Rocce ignee

Igneo rocce sono uno dei tre principali tipi di rocce presenti sulla Terra, gli altri due sono sedimentari e rocce metamorfiche. Queste rocce si formano dalla solidificazione e dal raffreddamento di materiale fuso, noto come magma, che ha origine nelle profondità della crosta terrestre e occasionalmente anche nel mantello. Il termine “igneo” deriva dal latino “ignis”, che significa fuoco, a sottolineare l’origine focosa di queste rocce.

Rocce ignee

Processo di formazione

Rocce ignee: definizione, classificazione ed esempi - Notizie di geologia ...

La formazione delle rocce ignee prevede diverse fasi:

  1. Generazione del magma: Il magma viene generato attraverso la fusione parziale delle rocce all'interno della crosta e del mantello terrestre. Ciò può essere causato da fattori quali temperature elevate, variazioni di pressione e introduzione di sostanze volatili (acqua, gas) che abbassano il punto di fusione minerali.
  2. Migrazione del magma: Il magma, essendo meno denso della roccia circostante, risale attraverso la crosta e può accumularsi nelle camere magmatiche sotto la superficie. Queste camere possono variare in dimensioni da piccole tasche a enormi serbatoi.
  3. Raffreddamento e solidificazione: Quando il magma si sposta verso la superficie o rimane intrappolato nelle camere, inizia a raffreddarsi. Mentre si raffredda, i minerali all'interno del magma iniziano a cristallizzare e formare strutture solide. La velocità di raffreddamento influisce sulla dimensione dei cristalli minerali risultanti. Il raffreddamento rapido, come osservato sulla superficie terrestre, porta alla formazione di rocce a grana fine, mentre il raffreddamento più lento nelle profondità della Terra si traduce in cristalli più grandi.
  4. Estrusione e Intrusione: Se il magma raggiunge la superficie terrestre si chiama lava. Quando la lava erutta da a vulcano, si raffredda rapidamente e forma rocce ignee vulcaniche o effusive. Se il magma rimane intrappolato sotto la superficie e lì si raffredda, forma rocce ignee intrusive o plutoniche.

Importanza nella geologia e nella storia della Terra:

  1. Storia geologica: Le rocce ignee forniscono informazioni cruciali sulla storia geologica della Terra. La composizione, mineralogiae la struttura delle rocce ignee possono rivelare informazioni sulle condizioni e sui processi che hanno prevalso durante la loro formazione. Studiando l'età di queste rocce utilizzando tecniche di datazione radiometrica, i geologi possono stabilire una cronologia dell'attività vulcanica e degli eventi tettonici passati.
  2. Tettonica a zolle: Le rocce ignee svolgono un ruolo significativo nella teoria della tettonica a placche. Molte rocce ignee sono associate ai confini delle placche, dove si verificano la generazione di magma e l'attività vulcanica a causa del movimento e dell'interazione delle placche tettoniche. La distribuzione delle rocce ignee nel mondo fornisce prove del movimento dei continenti e dell'apertura e chiusura dei bacini oceanici.
  3. Risorse minerarie: Alcune rocce ignee, come granito e basalto, sono utilizzati come preziosi materiali da costruzione. Inoltre, i processi ignei contribuiscono alla formazione di depositi minerali, compresi minerali preziosi come rame, oroe nichel.
  4. Ricostruzione del Paleoclima: Le eruzioni vulcaniche rilasciano gas e particelle nell'atmosfera, influenzando il clima della Terra. Studiando la mineralogia e la chimica delle antiche rocce vulcaniche, i ricercatori possono dedurre le condizioni atmosferiche del passato e gli effetti dell'attività vulcanica sul clima globale.

In sintesi, le rocce ignee offrono una finestra sul passato, presente e futuro della Terra. Forniscono approfondimenti sui processi geologici, sull'attività tettonica, sulla storia del clima e sulle preziose risorse minerarie che hanno modellato l'evoluzione del pianeta nel corso di milioni di anni.

Formazione di rocce ignee

Le rocce ignee si formano attraverso la solidificazione e il raffreddamento di materiale fuso, noto come magma o lava. Il processo di formazione prevede diverse fasi:

  1. Generazione del magma: Il magma viene generato nelle profondità della crosta terrestre o del mantello superiore attraverso il processo di fusione parziale. Vari fattori, come l'elevata temperatura, le variazioni di pressione e la presenza di sostanze volatili (acqua e gas), possono contribuire allo scioglimento delle rocce. Quando le rocce si sciolgono, i componenti meno densi salgono formando il magma.
  2. Composizione del magma: La composizione del magma varia in base alle rocce madri e al grado di fusione parziale. Il magma è composto principalmente da minerali silicati, che sono composti di silicio e ossigeno, insieme ad altri elementi simili alluminio, ferro, magnesio, calcio e potassio.
  3. Migrazione del magma: Il magma è meno denso delle rocce circostanti, quindi tende a risalire attraverso la crosta terrestre. Può migrare verticalmente o lateralmente, spesso accumulandosi nelle camere magmatiche sotto la superficie. Queste camere possono essere relativamente piccole, come quelle che si trovano negli archi vulcanici, o estremamente grandi, come nel caso dei batoliti.
  4. Raffreddamento e solidificazione: Quando il magma si sposta verso la superficie terrestre o rimane intrappolato nelle camere sotterranee, inizia a cedere calore all'ambiente circostante. Questo raffreddamento fa sì che i minerali all'interno del magma cristallizzino e formino strutture solide. La velocità di raffreddamento influenza in modo significativo la dimensione dei cristalli minerali. Il raffreddamento rapido, come sperimentato dalla lava in superficie, si traduce in rocce a grana fine, mentre il raffreddamento lento sotto la superficie consente la crescita di cristalli più grandi.
  5. Estrusione e Intrusione: Se il magma raggiunge la superficie terrestre si chiama lava. La lava erutta durante l'attività vulcanica e si raffredda rapidamente a contatto con l'atmosfera, formando rocce ignee effusive. Queste rocce hanno piccoli cristalli a causa del rapido processo di raffreddamento. D'altra parte, se il magma si raffredda e si solidifica sotto la superficie terrestre, forma rocce ignee intrusive. Queste rocce sviluppano cristalli più grandi a causa della velocità di raffreddamento più lenta. Le rocce intrusive possono essere esposte in superficie attraverso l'erosione o il sollevamento, rivelando caratteristiche come batoliti, dicchi e davanzali.
  6. Classificazione: Le rocce ignee sono classificate in base alla loro composizione minerale e consistenza. Dal punto di vista compositivo, le rocce ignee possono essere classificate come felsiche (ricche di feldspato e silice), intermedio, mafico (ricco di magnesio e ferro) o ultramafico (molto povero di silice). La tessitura si riferisce alla dimensione e alla disposizione dei grani minerali all'interno della roccia e può essere phaneritica (cristalli visibili), afanitica (cristalli microscopici), porfirica (cristalli grandi e piccoli), vetrosa (senza cristalli) o vescicolare (con bolle di gas ).

In sintesi, la formazione delle rocce ignee comporta la cristallizzazione di minerali dal magma o dalla lava. La composizione specifica, la struttura e la posizione di queste rocce forniscono preziose informazioni sui processi geologici, sull'attività tettonica e sulla storia della Terra.

Classificazione delle rocce ignee

PPT - Rocce ignee I Presentazione PowerPoint, download gratuito - ID:3700622

Le rocce ignee sono classificate in base alla loro composizione minerale, consistenza e altre caratteristiche. Il sistema di classificazione comunemente usato in geologia classifica le rocce ignee in due gruppi principali: rocce intrusive (plutoniche) ed effusive (vulcaniche). Questi gruppi sono ulteriormente suddivisi in base alla composizione e alla consistenza minerale. Ecco una panoramica di base della classificazione:

1. Rocce ignee intrusive (plutoniche): Queste rocce si formano dal magma che si raffredda e si solidifica sotto la superficie terrestre. La velocità di raffreddamento più lenta consente la crescita di cristalli minerali visibili. Le rocce intrusive tendono ad avere una consistenza a grana grossa.

1.1. Granito: Ricca di quarzo e feldspato, il granito è una roccia intrusiva comune. È di colore chiaro e spesso utilizzato nelle costruzioni.

1.2 Diorite: La diorite ha una composizione intermedia tra il granito e Gabbro. Contiene feldspato plagioclasico, pirosseno, e qualche volta anfibolo.

1.3. Gabbro: Il Gabbro è una roccia mafica composta principalmente da pirosseno e feldspato plagioclasico ricco di calcio. È l'equivalente invadente del basalto.

1.4 Peridotite: La peridotite è una roccia ultramafica composta da minerali simili olivina e pirosseno. Si trova spesso nel mantello terrestre.

2. Rocce ignee effusive (vulcaniche): Queste rocce si formano dalla lava che erutta sulla superficie terrestre. La rapida velocità di raffreddamento si traduce in strutture a grana fine, ma alcune rocce estrusive possono anche mostrare struttura porfirica, con cristalli più grandi (fenocristalli) incorporati in una matrice più fine.

2.1. Basalto: Il basalto è una comune roccia effusiva di colore scuro e ricca di ferro e magnesio. Forma spesso paesaggi vulcanici e crosta oceanica.

2.2 andesite: L'andesite ha una composizione intermedia tra basalto e dacite. Contiene feldspato plagioclasio, anfibolo e pirosseno.

2.3 Rhyolite: La riolite è una roccia vulcanica a grana fine ricca di silice. È l'equivalente effusivo del granito e spesso ha un colore chiaro.

3. Rocce ignee piroclastiche: Queste rocce sono formate da cenere vulcanica, polvere e detriti che vengono espulsi durante le eruzioni vulcaniche esplosive. Possono avere una vasta gamma di composizioni e trame.

3.1 Tufo: Il tufo è una roccia costituita da cenere vulcanica consolidata. Può variare nella composizione e nella consistenza, a seconda della dimensione delle particelle di cenere.

3.2 Ignimbrite: L'ignimbrite è un tipo di tufo formato da flussi piroclastici caldi. Spesso presenta una struttura saldata a causa delle alte temperature durante la deposizione.

È importante notare che la classificazione delle rocce ignee non si limita solo a questi esempi. All'interno di ciascuna categoria esiste una gamma di tipi di roccia con composizioni e consistenze diverse. Inoltre, la geologia moderna considera anche le analisi mineralogiche e chimiche, insieme al contesto della formazione rocciosa e della storia geologica, per affinare la classificazione delle rocce ignee.

Mineralogia delle rocce ignee

Risultati immagini per tipi di rocce ignee | Roccia ignea, Ignea, Roccia

Le rocce ignee sono composte principalmente da minerali che cristallizzano da materiale fuso (magma o lava). La composizione minerale delle rocce ignee gioca un ruolo significativo nel determinare le proprietà, l'aspetto e la classificazione della roccia. Ecco alcuni minerali comuni trovati nelle rocce ignee:

1. Quarzo: Il quarzo è un minerale comune nelle rocce ignee, in particolare nelle rocce felsiche come il granito e la riolite. È composto da silicio e ossigeno e spesso appare come cristalli chiari e vetrosi.

2. Feldspato: Il feldspato è un gruppo di minerali che sono componenti essenziali di molte rocce ignee. Le due tipologie principali sono:

  • ortoclasio Feldspato: Comune sia nelle rocce felsiche che in quelle intermedie, il feldspato ortoclasio può conferire alle rocce colori rosa, rossastri o grigi.
  • Plagioclasio Feldspato: Il plagioclasio è più comune nelle rocce da intermedie a mafiche. La sua composizione può variare da varietà ricche di calcio (calciche) a varietà ricche di sodio (sodiche), risultando in una gamma di colori.

3. Olivina: L'olivina è un minerale verde che si trova nelle rocce ultramafiche come la peridotite e il basalto. È composto da magnesio, ferro e silice.

4. Pirosseno: Minerali pirossenici, come augite e orneblenda, sono comuni nelle rocce mafiche e intermedie. Hanno colori scuri e sono ricchi di ferro e magnesio.

5. Anfibolo: I minerali di anfibolo, come l'orneblenda, si trovano nelle rocce intermedie e in alcune rocce mafiche. Sono di colore più scuro e spesso sono associati alla presenza di acqua durante la formazione del magma.

6. biotite e moscovita: Questi sono tipi di mica minerali spesso presenti nelle rocce felsiche. La biotite è di colore scuro e appartiene al gruppo dei minerali mafici, mentre la muscovite è di colore chiaro e appartiene al gruppo dei minerali felsici.

7. Feldspatoidi: Si tratta di minerali simili nella composizione al feldspato ma con meno silice. Esempi inclusi nefelina e leucite. Si trovano in alcune rocce ignee ricche di alcali.

8. Magnetite e ilmenite: Questi minerali sono fonti di ferro e titanio nelle rocce mafiche e ultramafiche.

La combinazione specifica di questi minerali e le loro relative proporzioni determinano la composizione minerale complessiva di una roccia ignea. Questa composizione, insieme alla struttura (dimensione dei grani e disposizione dei minerali), aiuta i geologi a classificare e comprendere l'origine della roccia e la storia geologica. Inoltre, anche i minerali accessori, presenti in quantità minori, possono fornire importanti indizi sulle condizioni in cui si è formata la roccia.

Serie di reazioni di Bowen

Serie Reazione di Bowen | Descrive e grafico » Scienze geologiche

Serie di reazioni di Bowen è un concetto in geologia che spiega la sequenza in cui i minerali cristallizzano da un magma in raffreddamento. È stato sviluppato dal geologo canadese Norman L. Bowen all'inizio del XX secolo. Il concetto è fondamentale per comprendere la composizione mineralogica delle rocce ignee e la relazione tra i diversi tipi di rocce.

La serie di reazioni di Bowen è divisa in due rami: la serie discontinua e la serie continua. Queste serie rappresentano l'ordine in cui i minerali cristallizzano mentre il magma si raffredda, con i minerali più in alto nella serie che cristallizzano a temperature più elevate.

Serie discontinua: Questa serie coinvolge minerali che presentano cambiamenti compositivi distinti mentre cristallizzano dal magma in raffreddamento. Include:

  1. Serie Ol/Pyx (serie olivina-pirosseno): I minerali di questa serie sono olivina e pirosseno. L'olivina cristallizza a temperature più elevate, seguita dal pirosseno a temperature più basse.
  2. Serie Ca Plagioclasio: Questa serie prevede la cristallizzazione del feldspato plagioclasico ricco di calcio, come l'anortite. Inizia a temperature più elevate e continua mentre il magma si raffredda.
  3. Serie Na Plagioclasio: Questa serie include il feldspato plagioclasico ricco di sodio, come l'albite. Cristallizza a temperature inferiori rispetto al plagioclasio ricco di calcio.

Serie continua: I minerali della serie continua hanno composizioni che variano gradualmente man mano che cristallizzano, formando una soluzione solida tra due minerali finali. La serie continua comprende:

  1. Serie Ca-Na del plagioclasio: Questa serie prevede la soluzione solida tra feldspato plagioclasico ricco di calcio e ricco di sodio. Man mano che il magma si raffredda, la composizione del plagioclasio passa gradualmente da ricca di calcio a ricca di sodio.
  2. Serie anfibolo-biotite: I minerali di questa serie includono anfibolo (ad esempio orneblenda) e mica biotite. La composizione di questi minerali varia gradualmente con il raffreddamento.
  3. Serie Na-K del feldspato: Questa serie comprende la soluzione solida tra feldspato ricco di sodio e ricco di potassio. Quando il magma si raffredda, la composizione passa da ricca di sodio a ricca di potassio.

Il concetto di serie di reazioni di Bowen aiuta a spiegare perché alcuni minerali si trovano comunemente insieme in tipi specifici di rocce ignee. Quando il magma si raffredda, i minerali cristallizzano in un ordine prevedibile basato sui punti di fusione e sulla composizione chimica. Ciò ha implicazioni significative per la comprensione dell’evoluzione mineralogica dei magmi, della formazione di diversi tipi di rocce e dei processi che avvengono all’interno della crosta e del mantello terrestre.

Ambienti di formazione di rocce ignee

Le rocce ignee possono formarsi in vari ambienti, ognuno dei quali fornisce condizioni distinte che influenzano il tipo di roccia che si sviluppa. Gli ambienti primari per la formazione delle rocce ignee sono:

  1. Ambienti intrusivi: In questi ambienti, il magma si raffredda e si solidifica sotto la superficie terrestre, dando luogo alla formazione di rocce ignee intrusive o plutoniche.
    • Batoliti: Grandi masse di magma che si solidificano in profondità nella crosta terrestre formano batoliti. Questi possono coprire vaste aree e sono spesso composti da rocce a grana grossa come il granito.
    • Azioni: Simili ai batoliti ma di dimensioni più piccole, anche gli stock sono composti da rocce intrusive a grana grossa e si trovano solitamente in prossimità dei batoliti.
    • Dighe: Le dighe sono intrusioni tabulari che tagliano gli strati rocciosi esistenti. Spesso hanno trame a grana più fine a causa del rapido raffreddamento in spazi ristretti.
    • Davanzali: I davanzali sono intrusioni orizzontali che si inseriscono tra strati di roccia esistenti. Inoltre tendono ad avere trame a grana più fine a causa della loro profondità ridotta e del raffreddamento più lento.
  2. Ambienti estrusivi: In questi ambienti la lava erutta sulla superficie terrestre, si raffredda rapidamente e si solidifica, portando alla formazione di rocce ignee effusive o vulcaniche.
    • Coni vulcanici: Questi sono formati dall'accumulo di materiali vulcanici, come lava, cenere e detriti piroclastici. Diversi tipi di rocce effusive possono essere associati a diversi tipi di coni vulcanici, come lo scudo vulcani (lave basaltiche) e stratovulcani (lave da andesitiche a riolitiche).
    • Altipiani lavici: Possono verificarsi massicce eruzioni vulcaniche portare all'accumulo di spessi strati di lava che ricoprono vaste aree, formando altipiani lavici. Questi altipiani sono spesso composti da lava basaltica.
    • Isole Vulcaniche: Quando l'attività vulcanica si verifica sott'acqua, può portare alla formazione di isole vulcaniche. Queste isole sono tipicamente composte da rocce effusive come il basalto.
  3. Ambienti piroclastici: In questi ambienti, le esplosioni vulcaniche generano cenere, bombe vulcaniche e altri materiali piroclastici che si accumulano e solidificano.
    • Calderere: Grandi esplosioni vulcaniche possono provocare il collasso della sommità del vulcano, creando una caldera. La caldera può quindi essere riempita di cenere, formando rocce ignee composte da materiali piroclastici.
    • Anelli di tufo e Maar: Le eruzioni vulcaniche esplosive in questi ambienti provocano l'espulsione di materiali piroclastici che formano anelli di tufo (cenere consolidata) attorno ad una bocca. I Maar sono crateri vulcanici poco profondi formati da interazioni esplosive tra magma e acque sotterranee.

Il tipo specifico di roccia ignea che si forma in ciascun ambiente dipende da fattori quali la composizione del magma, la velocità di raffreddamento, la pressione, la presenza di acqua e il contesto geologico circostante. Studiando le rocce ignee formatesi in vari ambienti, i geologi possono ottenere informazioni sulla storia geologica della Terra, sui processi tettonici e sulle condizioni prevalenti durante i diversi periodi.

Importanza economica delle rocce ignee

Le rocce ignee hanno un'importanza economica significativa a causa delle loro diverse composizioni minerali, della durabilità e dell'idoneità alla costruzione, nonché del loro ruolo nella formazione di minerali preziosi depositi. Ecco alcuni modi in cui le rocce ignee contribuiscono all’economia:

  1. Materiali di costruzione: Molte rocce ignee vengono utilizzate come materiali da costruzione per la loro durabilità e il loro fascino estetico. Il granito e il basalto, ad esempio, sono comunemente usati come pietre dimensionali per edifici, monumenti, controsoffitti e scopi decorativi.
  2. Pietra Spaccata: Le rocce ignee frantumate, come il basalto e il granito, vengono utilizzate come aggregati nel calcestruzzo, nella costruzione di strade e nella zavorra ferroviaria. Questi materiali forniscono resistenza e stabilità alle strutture e alle reti di trasporto.
  3. Depositi minerali: Alcuni tipi di rocce ignee sono associati a preziosi depositi minerali. Ad esempio, le rocce mafiche e ultramafiche possono ospitare depositi di minerali preziosi come cromite, platino, nichel e rame.
  4. Metalli preziosi e comuni: Le rocce ignee svolgono un ruolo nella formazione di depositi di minerali che contengono metalli preziosi come l'oro, argentoe platino, nonché metalli di base come rame, piombo e zinco. Questi depositi possono formarsi attraverso processi come l'attività idrotermale associata a intrusioni ignee.
  5. Pietre preziose: Alcune rocce ignee contengono minerali di qualità gemma come granato, zirconee topazio. Questi minerali sono utilizzati in gioielleria e altri oggetti decorativi.
  6. Depositi vulcanici: Le rocce vulcaniche, tra cui la cenere vulcanica e il tufo, possono avere importanza economica come materie prime in settori quali la ceramica, la produzione del vetro e come ammendante del suolo (cenere vulcanica) in agricoltura.
  7. Energia geotermica: L'attività ignea contribuisce alle risorse energetiche geotermiche. Il magma riscalda l’acqua sotterranea, creando serbatoi geotermici che possono essere sfruttati per la produzione di energia pulita e rinnovabile.
  8. Produzione di metalli: Le rocce ignee possono servire come fonte di elementi utilizzati nella produzione di metalli. Ad esempio, le rocce ignee felsiche possono contenere elementi rari come litio e tantalio, essenziali per l'elettronica moderna.
  9. Industria estrattiva: L'estrazione di rocce ignee per vari usi, come ghiaia, sabbia e pietrisco, contribuisce all'industria estrattiva e fornisce materiali per lo sviluppo delle infrastrutture.
  10. Tempo libero e turismo: Formazioni geologiche uniche, come i paesaggi vulcanici, attirano turisti e appassionati di attività all'aria aperta. Le aree vulcaniche offrono spesso opportunità per l'escursionismo, l'arrampicata su roccia e il geoturismo.

In sintesi, le rocce ignee hanno un’importanza economica nell’edilizia, nello sviluppo delle infrastrutture, nell’estrazione mineraria, nella produzione di energia e in varie industrie. La loro diversità mineralogica e i processi geologici contribuiscono alla formazione di risorse preziose che guidano la crescita e lo sviluppo economico.

Notevoli formazioni rocciose ignee

Esistono diverse formazioni rocciose ignee degne di nota in tutto il mondo che mostrano la diversità geologica e la storia della Terra. Ecco alcuni esempi importanti:

  1. Selciato del gigante (Irlanda del Nord): Questo sito patrimonio mondiale dell'UNESCO è noto per le sue esclusive colonne esagonali di basalto formatesi dall'attività vulcanica. Le colonne sono il risultato del raffreddamento e della contrazione di colate laviche basaltiche milioni di anni fa.
  2. Torre del Diavolo (Wyoming, USA): Un sorprendente monolite composto da fonolite porfido, la Torre del Diavolo è un noto esempio di intrusione ignea. Si ritiene che si sia formato quando il magma si è solidificato nel sottosuolo e successivamente è stato esposto attraverso l'erosione.
  3. Monte Vesuvio (Italia): Uno dei vulcani più famosi al mondo, il Vesuvio è noto per la sua eruzione nel 79 d.C. che seppellì l'antica città di Pompei. I prodotti vulcanici e la cenere di questa eruzione hanno preservato le strutture e i manufatti della città.
  4. Parco Nazionale dei Vulcani delle Hawaii (Hawaii, Stati Uniti): Sede di vulcani attivi come Kilauea e Mauna Loa, questo parco mette in mostra l'attività vulcanica in corso. Le colate laviche e i paesaggi vulcanici forniscono informazioni sui processi geologici della Terra.
  5. Shiprock (Nuovo Messico, Stati Uniti): Shiprock è un collo vulcanico, ciò che resta di un antico vulcano che si è eroso, lasciando dietro di sé un imponente tappo vulcanico. È considerato un luogo sacro dalla nazione Navajo.
  6. I Vulcani dell'Alvernia (Francia): Questa regione è caratterizzata da una catena di vulcani dormienti, alcuni dei quali hanno più di 6 milioni di anni. Il Puy de Dôme è una delle vette iconiche di questa zona.
  7. Uluru (Ayers Rock) e Kata Tjuta (Olgas) (Australia): Sebbene non siano vulcanici, Uluru e Kata Tjuta sono formazioni rocciose significative composte da arcacosico arenaria. Hanno un'importanza culturale e spirituale per gli indigeni Anangu.
  8. Crater Lake (Oregon, Stati Uniti): Questo lago dal colore blu intenso riempie la caldera del Monte Mazama, un vulcano crollato durante una massiccia eruzione migliaia di anni fa. La caldera e il lago al suo interno sono il risultato di questo evento vulcanico.
  9. Cascata Gullfoss (Islanda): Formata dal fiume Hvítá, Gullfoss è un'iconica cascata situata vicino alla regione geotermica di Geysir. Il paesaggio circostante mette in mostra l'attività vulcanica e geotermica dell'Islanda.
  10. Ayers Rock (Uluru) e Kata Tjuta (Olgas) (Australia): Sebbene non siano vulcaniche, queste massicce formazioni di arenaria sono punti di riferimento significativi e rivestono un'importanza culturale per gli indigeni Anangu.

Queste formazioni evidenziano i diversi modi in cui i processi ignei e la storia geologica hanno modellato la superficie terrestre, lasciando dietro di sé paesaggi e punti di riferimento maestosi.