Il basalto è un tipo di roccia vulcanica che si forma dalla solidificazione della lava fusa. È una roccia ignea, nel senso che si forma attraverso il raffreddamento e la solidificazione di magma o lava. Il basalto è uno dei tipi di roccia più comuni sulla Terra e può essere trovato in varie località in tutto il mondo, sia sulla terraferma che sotto il fondo dell'oceano.

Il basalto è noto per il suo colore scuro, tipicamente dal nero al grigio scuro, e per la sua consistenza a grana fine. È composto principalmente da minerali ad esempio pirosseno, plagioclasio feldspato, e qualche volta olivina. Il basalto può avere una gamma di composizioni, ma è tipicamente ricco ferro e magnesio e basso contenuto di silice.

Texture vescicolare e amigdaloide
Texture vescicolare e amigdaloide

Il basalto ha una serie di proprietà uniche che lo rendono utile per varie applicazioni. Ad esempio, è noto per la sua durabilità, forza e resistenza all'usura e all'erosione, rendendolo ideale per materiali da costruzione come aggregati stradali, cemento e pietre da costruzione. Il basalto viene anche utilizzato per la produzione di materiali di rinforzo in fibra, noti come fibra di basalto, che vengono utilizzati in un'ampia gamma di applicazioni tra cui parti automobilistiche, componenti aerospaziali e articoli sportivi.

Il basalto ha anche un importante significato geologico. È un tipo di roccia comune nelle regioni vulcaniche ed è associato all'attività vulcanica, come eruzioni vulcaniche e colate laviche. Le colate laviche basaltiche, in particolare, possono coprire vaste aree di terra e creare estesi altipiani basaltici, come il Columbia River Plateau negli Stati Uniti e le Deccan Traps in India. Questi altipiani hanno un impatto significativo sul paesaggio locale, sull'ecologia e sulla geologia.

Oltre alla sua importanza pratica e geologica, il basalto ha anche un significato culturale. È stato utilizzato da varie civiltà nel corso della storia per strumenti, armi e scopi artistici. Il basalto è stato utilizzato anche nel folklore e nella mitologia in molte culture in tutto il mondo.

Nel complesso, il basalto è un affascinante tipo di roccia con una vasta gamma di proprietà e applicazioni. Le sue caratteristiche uniche ne fanno una roccia importante in vari campi, tra cui la geologia, l'edilizia, la manifattura e il patrimonio culturale.

Gruppo: vulcanico.
Colore: dal grigio scuro al nero.
Texture: afanitico (può essere porfirico).
Contenuto minerale: pasta di fondo generalmente di pirosseno (augite), plagioclasio e olivina, eventualmente con vetro minore; se porfirico i fenocristalli saranno di olivina, pirosseno o plagioclasio. Silice (SiO 2) contenuto – 45%-52%.

Composizione: Il basalto è composto principalmente da minerali come pirosseno, feldspato plagioclasico, e talvolta olivina. Questi minerali sono tipicamente di colore scuro e ricchi di ferro e magnesio. L'esatta composizione del basalto può variare a seconda della posizione specifica e delle condizioni della sua formazione, ma generalmente contiene circa il 45-55% di silice (SiO2), insieme a quantità variabili di altri elementi come alluminio, calcio, sodio e potassio.

Caratteristiche: Il basalto presenta diverse proprietà caratteristiche, tra cui:

  1. Colore scuro: Il basalto è tipicamente di colore scuro, che va dal nero al grigio scuro, a causa del suo alto contenuto di minerali di colore scuro come pirosseno e olivina.
  2. Tessitura a grana fine: Il basalto ha una tessitura a grana fine, il che significa che i suoi grani minerali sono generalmente piccoli e non facilmente visibili ad occhio nudo. Ciò è dovuto al rapido raffreddamento della lava basaltica sulla superficie terrestre, che impedisce la formazione di grandi cristalli minerali.
  3. Durata e forza: Il basalto è noto per la sua durata e resistenza, che lo rendono ideale per i materiali da costruzione. È resistente all'usura, all'erosione e agenti atmosferici, e può sopportare carichi pesanti e pressioni elevate.
  4. Alta densità: Il basalto ha una densità relativamente alta rispetto a molti altri rocce, con una densità media che va da 2.7 a 3.0 grammi per centimetro cubo. Questo lo rende una roccia pesante e densa, che può avere implicazioni per il suo utilizzo nella costruzione e in altre applicazioni.
  5. Tessitura vescicolare: Il basalto a volte può presentare una consistenza vescicolare, il che significa che contiene piccole bolle di gas o vescicole che vengono intrappolate durante la solidificazione della lava. Queste vescicole possono conferire al basalto un aspetto poroso e influenzarne le proprietà fisiche.
  6. Evento comune: Il basalto è uno dei tipi di roccia più comuni sulla Terra e può essere trovato in varie località in tutto il mondo, sia sulla terraferma che sotto il fondo dell'oceano. È un tipo di roccia comune nelle regioni vulcaniche ed è associato all'attività vulcanica, come eruzioni vulcaniche e colate laviche.
  7. Caratteristiche geologiche uniche: I flussi di lava basaltica possono creare caratteristiche geologiche uniche come altipiani basaltici, tubi di lava e giunti colonnari, che sono spesso utilizzati per studi geologici e turismo.

Nel complesso, il basalto è una roccia resistente, densa e di colore scuro con una trama a grana fine. La sua composizione e le sue caratteristiche uniche lo rendono adatto a varie applicazioni e ha un importante significato geologico e culturale.

Presenza e distribuzione del basalto a livello globale

Il basalto è un tipo di roccia diffuso che si trova in molte parti del mondo. È associato all'attività vulcanica e può essere trovato in vari ambienti geologici, sia sulla terraferma che sotto il fondo dell'oceano. Ecco alcune delle principali occorrenze e distribuzioni di basalto a livello globale:

  1. Basalto oceanico: La maggior parte del basalto sulla Terra si trova sul fondo dell'oceano, formando la crosta oceanica. Il basalto oceanico viene generato nelle dorsali medio-oceaniche, dove le placche tettoniche si allontanano, consentendo al magma di sollevarsi e solidificarsi come lava basaltica. Questo processo crea vasti vulcani sottomarini montagna catene conosciute come dorsali medio-oceaniche, come la dorsale medio atlantica e la dorsale del Pacifico orientale, dove la lava basaltica erutta e si solidifica continuamente, aggiungendosi alla crosta oceanica.
  2. Basalto continentale: Il basalto si trova anche nei continenti, tipicamente associato all'attività vulcanica. I flussi di lava basaltica continentale possono coprire vaste aree di terra e creare vasti altipiani basaltici, come l'altopiano del fiume Columbia negli Stati Uniti, le trappole del Deccan in India e le trappole siberiane in Russia. Questi grandi altipiani basaltici sono i resti di antiche eruzioni vulcaniche avvenute milioni di anni fa.
  3. Basalto dell'isola: Il basalto si può trovare anche sotto forma di isole vulcaniche, come le Isole Hawaii, che sono composte principalmente da colate laviche basaltiche. Queste isole sono formate dall'attività vulcanica associata ai punti caldi, che sono aree di magma in risalita dal profondo del mantello terrestre. La lava basaltica erutta sul fondo dell'oceano, si accumula nel tempo e forma isole vulcaniche.
  4. Rift basalto: Il basalto può trovarsi anche nelle zone di spaccatura continentale, dove la crosta terrestre viene lacerata e assottigliata, provocando la risalita del magma e l'eruzione della lava basaltica. Esempi di tale basalto di spaccatura possono essere trovati nell'East African Rift System e nel Rio Grande Rift negli Stati Uniti.
  5. Isole vulcaniche e vulcanismo sottomarino: Eruzioni basaltiche possono verificarsi anche in varie isole vulcaniche e sottomarine vulcani Intorno al mondo. Ad esempio, i flussi di lava basaltica possono essere trovati in isole vulcaniche come l'Islanda, le Azzorre e le Isole Galapagos, nonché nelle regioni vulcaniche sottomarine come la cresta Juan de Fuca al largo della costa del Pacifico nord-occidentale negli Stati Uniti.

Nel complesso, il basalto è un tipo di roccia diffuso che si trova in vari contesti geologici in tutto il mondo. La sua presenza e distribuzione sono strettamente correlate all'attività vulcanica, sia sul fondo oceanico che sulla terraferma, e svolge un ruolo significativo nella geologia e geofisica di queste regioni.

Basalto vescicolare

Importanza del basalto in geologia, geofisica e storia della Terra

Il basalto è una roccia importante nei campi della geologia, della geofisica e della storia della Terra grazie alle sue caratteristiche uniche e alla sua presenza diffusa. Ecco alcuni punti chiave sull'importanza del basalto in questi campi:

  1. petrografia e Geochimica: Il basalto è ampiamente studiato in petrologia e geochimica in quanto rappresenta un tipo di roccia comune e ben caratterizzato. Analizzando la composizione minerale e chimica del basalto, i geologi possono ottenere informazioni sulle condizioni di formazione del magma, sui processi eruttivi e sull'evoluzione del mantello e della crosta terrestre. Le rocce basaltiche forniscono anche importanti indizi sulla composizione dell'interno della Terra e sulla sua storia geologica.
  2. Vulcanologia e tettonica: Le colate laviche basaltiche e le eruzioni sono importanti nello studio della vulcanologia e della tettonica. Lo studio delle caratteristiche vulcaniche basaltiche, come i flussi di lava, i coni di scorie e le prese d'aria vulcaniche, può fornire informazioni sui processi vulcanici, gli stili di eruzione e le proprietà del magma. I flussi di lava basaltica possono anche essere utilizzati per determinare la direzione e la velocità dei movimenti delle placche tettoniche, poiché registrano l'orientamento del campo magnetico terrestre al momento della loro formazione.
  3. Geofisica e Sismologia: Il basalto è significativo in geofisica e sismologia poiché costituisce un componente importante della crosta oceanica. Lo studio delle rocce basaltiche e delle loro proprietà fisiche, come densità, velocità sismica e proprietà magnetiche, fornisce informazioni sulla struttura e sulla composizione della crosta, del mantello e della litosfera terrestre. Anche gli studi sismici che utilizzano rocce basaltiche aiutano a comprenderne il comportamento onde sismiche e l'interpretazione di terremoto dati.
  4. Storia della terra: Il basalto svolge un ruolo cruciale nella ricostruzione della storia della Terra. Gli antichi flussi di lava basaltica e gli altipiani, conservati nella documentazione geologica, forniscono preziose informazioni sull'attività vulcanica passata, sui cambiamenti climatici e sull'evoluzione della crosta e del mantello terrestre. Ad esempio, lo studio delle rocce basaltiche di grandi province ignee (LIP) come le trappole del Deccan in India e le trappole siberiane in Russia ha aiutato a comprendere i tempi e gli impatti ambientali delle massicce eruzioni vulcaniche nella storia della Terra, compreso il loro potenziale ruolo nella massa estinzioni.
  5. Importanza economica: Il basalto ha un'importanza economica significativa in quanto viene utilizzato come materiale da costruzione, pietrisco e aggregato in vari progetti infrastrutturali. La sua durabilità, robustezza e resistenza agli agenti atmosferici lo rendono adatto a un'ampia gamma di applicazioni, tra cui strade, edifici e zavorre ferroviarie.

In sintesi, il basalto è un tipo di roccia cruciale in geologia, geofisica e storia della Terra, fornendo preziose informazioni sulla composizione, struttura e storia del nostro pianeta. La sua presenza diffusa e le sue caratteristiche uniche ne fanno una roccia chiave per lo studio dei processi vulcanici, della tettonica, della geofisica e dell'evoluzione della Terra, nonché per le sue applicazioni economiche.

Basalto

Petrologia del basalto

La petrologia è la branca della geologia che studia l'origine, la composizione, la consistenza e la struttura delle rocce. Il basalto, come tipo di roccia comune, è stato ampiamente studiato in petrologia per comprenderne la formazione e le caratteristiche. Ecco alcuni aspetti chiave della petrologia del basalto:

  1. Origine e formazione: Il basalto è una roccia vulcanica che si forma dalla solidificazione del magma basaltico, che è un tipo di magma ricco di ferro e magnesio e povero di silice. Il magma basaltico è generato nel mantello, o dalla fusione parziale delle rocce del mantello o dallo scioglimento del mantello in corrispondenza delle dorsali oceaniche o dei punti caldi. Il magma basaltico è tipicamente eruttato sulla superficie terrestre attraverso eruzioni vulcaniche o può intromettersi nelle rocce esistenti come rocce basaltiche invadenti. Il raffreddamento e la solidificazione del magma basaltico provocano la formazione di rocce basaltiche.
  2. Composizione: Il basalto è una roccia mafica, il che significa che è ricca di magnesio (Mg) e ferro (Fe), e povera di silice (SiO2). Il basalto contiene tipicamente minerali come feldspato plagioclasico (ricco di calcio), pirosseno (comunemente augite o altre varietà), e quantità minori di olivina e magnetite. L'esatta composizione minerale del basalto può variare a seconda delle specifiche condizioni geochimiche e geotermiche durante la sua formazione.
  3. Texture: Il basalto presenta una caratteristica tessitura a grana fine, nota come tessitura afanitica, tipicamente composta da cristalli microscopici non visibili ad occhio nudo. Questa struttura a grana fine è il risultato del rapido raffreddamento della lava basaltica sulla superficie terrestre, che inibisce la crescita di grandi cristalli. Tuttavia, in alcuni casi, il basalto può anche presentare una tessitura porfirica, in cui cristalli più grandi di minerali come l'olivina o il plagioclasio sono incorporati in una matrice a grana fine.
  4. Caratteristiche chimiche: Il basalto è caratterizzato dal suo contenuto di silice relativamente basso (in genere compreso tra il 45 e il 55% di SiO2) e dall'alto contenuto di ferro e magnesio. Questa composizione chimica conferisce al basalto il suo colore scuro e la sua natura densa. Il magma basaltico è anche tipicamente arricchito in alcuni oligoelementi, come cromo, nichele cobalto, che può fornire informazioni sui processi geochimici che si verificano nel mantello e nella crosta.
  5. Classificazione: Il basalto è classificato in base alla sua composizione minerale, consistenza e caratteristiche chimiche. Uno schema di classificazione comunemente utilizzato è la classificazione TAS, che classifica le rocce basaltiche in quattro tipi principali: basalti tholeiitici, alcalini, di transizione e ad alto contenuto di allumina, in base al loro contenuto di silice e alcali (sodio e potassio) e ossido di alluminio (Al2O3). . Un altro schema di classificazione è il diagramma alcali-silice totale (TAS), che si basa sul contenuto totale di alcali (sodio + potassio) e silice delle rocce basaltiche.

In sintesi, la petrologia del basalto comporta lo studio della sua origine, composizione, consistenza e classificazione. Il basalto è una roccia vulcanica mafica che si forma dalla solidificazione del magma basaltico e presenta una caratteristica struttura a grana fine. La sua composizione, consistenza e classificazione forniscono informazioni sui processi coinvolti nella sua formazione e sulle caratteristiche geochimiche del mantello e della crosta.

Basalto che forma roccia
Basalto che forma roccia

Mineralogia e principali minerali che formano le rocce nel basalto

Il basalto è una roccia vulcanica mafica che tipicamente contiene diversi minerali, con alcuni minerali più abbondanti e caratteristici del basalto rispetto ad altri. Ecco i principali minerali che formano la roccia che si trovano comunemente nel basalto:

  1. Plagioclasio Feldspato: Il feldspato plagioclasico è uno dei minerali più abbondanti nel basalto, comprendendo tipicamente il 40-60% della composizione della roccia. Il feldspato di plagioclasio in basalto è solitamente ricco di calcio e appartiene alla serie di minerali noti come serie di soluzioni solide di plagioclasio, che vanno dall'anortite ricca di calcio all'albite ricca di sodio. Il feldspato plagioclasico è tipicamente di colore da bianco a grigio chiaro e ha una forma cristallina prismatica.
  2. Pirosseno: Il pirosseno è un altro minerale importante del basalto e appartiene al gruppo dei minerali silicati. Il pirosseno più comune nel basalto è l'augite, che è un minerale di colore scuro con una forma cristallina prismatica. Il pirosseno può essere presente anche in altre varietà come iperstene e piccione. I minerali pirosseno sono tipicamente di colore dal verde scuro al nero e sono importanti nel determinare la struttura e la composizione del basalto.
  3. Olivina: L'olivina è un minerale comune nel basalto, anche se di solito si trova in quantità minori rispetto al feldspato plagioclasico e al pirosseno. L'olivina è un minerale silicato di ferro e magnesio ed è tipicamente di colore verde oliva. L'olivina può presentarsi in diverse varietà come forsterite e fayalite, e la sua presenza nel basalto può influenzare la composizione chimica e le proprietà fisiche della roccia.
  4. Magnetite: La magnetite è un minerale accessorio comune nel basalto ed è un tipo di ossido di ferro. Si presenta tipicamente come piccoli grani neri o grigi e talvolta può essere presente in quantità significative, contribuendo alle proprietà magnetiche del basalto.
  5. Altri minerali: Il basalto può contenere anche altri minerali minori come ilmenite, apatitee anfiboli, a seconda delle specifiche condizioni geochimiche e geotermiche durante la sua formazione. Questi minerali possono fornire ulteriori informazioni sull'origine e la storia delle rocce basaltiche.

In sintesi, la mineralogia di basalto include tipicamente feldspato plagioclasio, pirosseno, olivina e magnetite come principali minerali che formano le rocce. Questi minerali contribuiscono alla composizione caratteristica, alla consistenza e alle proprietà fisiche delle rocce basaltiche e il loro studio può fornire informazioni sulla formazione e l'evoluzione del magma e delle rocce basaltiche.

Classificazione del basalto

Il basalto può essere classificato in diversi tipi in base a vari criteri, come la composizione, la consistenza e l'ambiente di formazione. Ecco alcune classificazioni comuni di basalto:

  1. Classificazione basata sulla composizione:
    • Basalto tholeiitico: Questo tipo di basalto è caratterizzato da un basso contenuto di silice (in genere intorno al 45-52% in peso) e da un contenuto relativamente elevato di ferro e magnesio. Il basalto tholeiitico è tipicamente associato alle dorsali medio-oceaniche e alle isole oceaniche ed è il tipo più comune di basalto trovato sulla Terra.
    • Basalto alcalino: Questo tipo di basalto ha un contenuto di silice più elevato (tipicamente intorno al 48-52% in peso) e più elementi alcalini (sodio e potassio) rispetto al basalto tholeiitico. Il basalto alcalino è tipicamente associato ad archi vulcanici, zone di spaccatura e impostazioni intraplacca.
  2. Classificazione basata sulla trama:
    • Basalto afanitico: Questo tipo di basalto ha una tessitura a grana fine, dove i singoli minerali non sono visibili ad occhio nudo. Si forma tipicamente quando il magma si raffredda rapidamente sulla superficie terrestre, come nelle eruzioni vulcaniche o quando il magma si intromette nelle rocce crostali poco profonde.
    • Basalto porfirico: Questo tipo di basalto ha una combinazione di matrice a grana fine (massa di fondo) e cristalli visibili più grandi (fenocristalli) incorporati al suo interno. Il basalto porfirico si forma tipicamente quando il magma subisce due stadi di raffreddamento, con un raffreddamento più lento che consente la formazione di cristalli più grandi.
  3. Classificazione basata sull'ambiente di formazione:
    • Basalto oceanico: Questo tipo di basalto si forma in ambienti oceanici, come dorsali medio-oceaniche, isole oceaniche e centri di espansione del fondo marino. Il basalto oceanico ha una composizione tipicamente tholeiitica ed è caratterizzato da una tessitura a grana fine.
    • Basalto continentale: Questo tipo di basalto si forma in ambienti continentali, come zone di spaccatura, province di basalto alluvionale e altipiani vulcanici. Il basalto continentale può avere una composizione di basalto tholeiitico o alcalino e può presentare una varietà di trame che vanno dall'afanitico al porfirico.
  4. Altra classificazione:
    • Cuscino basalto: Questo tipo di basalto si forma sott'acqua, tipicamente in eruzioni vulcaniche sottomarine o alla base di colate laviche in ambienti sottomarini. Il basalto a cuscino è caratterizzato dalle sue strutture arrotondate simili a cuscini formate dalla rapida estinzione della lava nell'acqua.
    • Basalto colonnare: Questo tipo di basalto mostra un modello di giunzione colonnare unico, dove il flusso di lava o la diga si fratturano in colonne esagonali o poligonali mentre si raffredda e si contrae. Il basalto colonnare si trova spesso nelle regioni vulcaniche ed è noto per il suo aspetto distinto e sorprendente.

Queste sono alcune delle classificazioni comuni del basalto basate su composizione, consistenza e ambiente di formazione. Le rocce basaltiche possono esibire una vasta gamma di variazioni e caratteristiche, rendendole un gruppo interessante e diversificato rocce ignee nella geologia.

Il basalto ha una definizione chimica rigorosa. È definito nel diagramma TAS mostrato sopra. Il basalto è una roccia ignea che contiene più del 45% e meno del 52% di SiO2 e meno del 2% degli alcali totali (K2O + Na3O)XNUMX.
Il basalto ha una definizione chimica rigorosa. È definito nel diagramma TAS mostrato sopra. Il basalto è una roccia ignea che contiene più del 45% e meno del 52% di SiO2 e meno del 2% degli alcali totali (K2O + Na3O)XNUMX.

Tipi di basalto

Il basalto è una roccia vulcanica che può esibire diversi tipi o varietà in base a vari fattori come composizione, consistenza e mineralogia. Alcuni dei tipi comunemente riconosciuti di basalto includono:

Tipi di basalto: tholeiiti vs basalti alcalini
Tipi di basalto: tholeiiti vs basalti alcalini

Basalto tholeiitico è relativamente ricco di silice e povero di sodio. Inclusi in questa categoria sono la maggior parte dei basalti del fondo oceanico, la maggior parte delle grandi isole oceaniche e i basalti delle inondazioni continentali come l'altopiano del fiume Columbia.

Alto e basso titanio basalti. Le rocce di basalto sono in alcuni casi classificate in base al loro contenuto di titanio (Ti) nelle varietà High-Ti e Low-Ti. I basalti High-Ti e Low-Ti sono stati distinti nelle trappole Paraná ed Etendeka and le trappole Emeishan.

Basalto della dorsale medio-oceanica (MORB) è un basalto tholeiitico comunemente eruttato solo sulle dorsali oceaniche ed è caratteristicamente povero di elementi incompatibili

Basalto ad alto contenuto di allumina può essere insatura o sovrasatura della silice (vedi mineralogia normativa). Ha più del 17% di allumina (Al2O3) ed è di composizione intermedia tra il basalto tholeiitico e il basalto alcalino; la composizione relativamente ricca di allumina si basa su rocce prive di fenocristalli di plagioclasio.

Basalto alcalino è relativamente povero di silice e ricco di sodio. È insaturo di silice e può contenere feldspatoidi, feldspati alcalini e flogopite.

Basalto alcalino
Basalto alcalino

Boninite è una forma di basalto ad alto contenuto di magnesio che erutta generalmente in bacini di retroarco, che si distingue per il suo basso contenuto di titanio e la composizione di oligoelementi.

Tessitura e struttura del basalto

La trama e la struttura del basalto sono caratteristiche importanti che forniscono informazioni sulla formazione della roccia e sulla storia del raffreddamento. Ecco alcune trame e strutture comunemente osservate nel basalto:

  1. Trama afanitica: La tessitura afanitica è una tessitura a grana fine che si osserva comunemente nel basalto. È caratterizzato da piccoli granelli minerali non facilmente visibili ad occhio nudo. Il basalto afanitico si forma tipicamente dal raffreddamento relativamente rapido dei flussi di lava, sia sulla superficie terrestre che come sottili intrusioni, che impedisce la formazione di grandi cristalli minerali.
  2. Struttura vescicolare: La tessitura vescicolare è caratterizzata dalla presenza di vescicole, che sono piccole cavità o bolle di gas, nella roccia basaltica. Le vescicole si formano quando il gas viene intrappolato nel magma durante le eruzioni vulcaniche e poi si solidifica quando la lava si raffredda e si solidifica. Il basalto vescicolare ha spesso un aspetto poroso e leggero a causa della presenza di queste vescicole e le vescicole possono variare in dimensioni e forma.
  3. Texture vetrosa: La struttura vetrosa è caratterizzata da un aspetto non cristallino, simile al vetro nelle rocce basaltiche. Il basalto vetroso si forma tipicamente quando la lava si raffredda molto rapidamente, impedendo la formazione di cristalli minerali. Di solito è di colore nero o scuro e ha una superficie liscia e vitrea.
  4. Giunzione colonnare: La giunzione colonnare è una struttura caratteristica che si può osservare in alcune rocce basaltiche, in particolare nelle colate laviche spesse. Si forma quando la lava si raffredda e si contrae, dando luogo alla formazione di colonne verticali o quasi verticali con forme esagonali o poligonali. La giunzione colonnare è spesso osservata negli affioramenti basaltici esposti e può creare formazioni geologiche uniche e sorprendenti.
  5. Struttura amigdaloide: La tessitura amigdaloide è caratterizzata dalla presenza di amigdale, che sono cavità arrotondate o allungate nella roccia basaltica riempite con minerali secondari. Le amigdale si formano quando le bolle di gas nella lava si riempiono di fluidi ricchi di minerali dopo che la lava si è solidificata. Il basalto amigdaloide mostra spesso un aspetto maculato a causa dei colori contrastanti dei minerali secondari che riempiono le amigdale.
  6. Tessitura porfirica: La tessitura porfirica è caratterizzata dalla presenza di cristalli minerali più grandi, detti fenocristalli, inglobati in una matrice a grana più fine. Il basalto porfirico si forma tipicamente quando la lava si raffredda a velocità diverse, consentendo la crescita di cristalli più grandi in un ambiente a raffreddamento più lento prima che la lava erutti sulla superficie.

Queste sono alcune delle trame e strutture comuni che possono essere osservate nelle rocce basaltiche. La trama e la struttura del basalto forniscono informazioni importanti sulla velocità di raffreddamento, sull'ambiente eruttivo e sulla storia di raffreddamento della roccia, che possono far luce sui processi vulcanici e sulla storia geologica di un'area.

Geochimica del basalto

La geochimica del basalto si riferisce alla composizione e alla distribuzione di elementi chimici e minerali nelle rocce basaltiche. Il basalto è tipicamente composto da minerali di colore scuro come pirosseno, olivina e plagioclasio feldspato, insieme a piccole quantità di altri minerali come magnetite, ilmenite e apatite. La composizione chimica del basalto può variare a seconda del magma di origine, dell'ambiente di eruzione e del successivo disfacimento e alterazione processi. Ecco alcuni aspetti chiave della geochimica del basalto:

  1. Elementi principali: Il basalto è tipicamente ricco di silice (SiO2) e contiene quantità variabili di altri elementi principali come alluminio (Al), ferro (Fe), calcio (Ca), magnesio (Mg), sodio (Na) e potassio (K) . Le proporzioni di questi elementi nel basalto possono variare, portando a diversi tipi di basalto con composizioni chimiche distinte. Ad esempio, il basalto alcalino è caratterizzato da proporzioni più elevate di sodio e potassio, mentre il basalto tholeiitico è caratterizzato da proporzioni più elevate di ferro e magnesio.
  2. Traccia elementi: Il basalto contiene anche oligoelementi, che sono presenti in quantità molto minori ma possono avere implicazioni geochimiche e geologiche significative. Questi oligoelementi possono essere utilizzati per studiare il magma di origine, i processi di fusione e le impostazioni tettoniche delle rocce basaltiche. Ad esempio, la presenza di alcuni oligoelementi come cromo (Cr), nichel (Ni) e cobalto (Co) può indicare una fonte di mantello per il basalto, mentre la presenza di elementi come zirconio (Zr) e titanio (Ti) può fornire informazioni sulla storia della cristallizzazione del magma.
  3. Isotopi: Gli isotopi sono varianti di un elemento che hanno un diverso numero di neutroni nei loro nuclei atomici. Il basalto può presentare variazioni isotopiche in alcuni elementi, come l'ossigeno (O), lo stronzio (Sr) e il neodimio (Nd), che possono fornire informazioni sull'origine e l'evoluzione della fonte del magma, nonché sui processi di generazione del magma e differenziazione. Gli studi isotopici del basalto possono aiutare a determinare l'età della roccia, la composizione isotopica del mantello di origine e il grado di fusione del mantello e contaminazione della crosta.
  4. Invecchiamento e alterazione: Il basalto può subire processi di disfacimento e alterazione dopo la sua formazione, che possono comportare cambiamenti nella sua composizione chimica. Ad esempio, il basalto può resistere alle intemperie per formarsi minerali argillosi, e i processi di alterazione possono portare alla formazione di minerali secondari come zeoliti, cloriti e carbonati. Questi processi di disfacimento e alterazione possono influenzare le caratteristiche geochimiche del basalto e fornire informazioni sulla storia geologica e sulle condizioni ambientali dell'area.

La geochimica del basalto gioca un ruolo cruciale nella comprensione dell'origine, dell'evoluzione e del significato geologico delle rocce basaltiche. Gli studi geochimici del basalto possono fornire informazioni sulla fonte del magma, sui processi di fusione, sulle impostazioni tettoniche e sulle condizioni ambientali durante e dopo la formazione del basalto, aiutando gli scienziati a svelare la complessa storia geologica della Terra.

Basalto colonnare
Basalto colonnare

Petrogenesi del basalto

La petrogenesi del basalto coinvolge i processi mediante i quali si formano le rocce basaltiche e la loro origine. Le rocce basaltiche possono essere generate attraverso vari meccanismi, tra cui la fusione parziale del mantello, la fusione della crosta inferiore e la cristallizzazione frazionata del magma. Ecco alcuni processi petrogenetici chiave coinvolti nella formazione del basalto:

  1. Fusione parziale del mantello: Il basalto è spesso derivato dallo scioglimento parziale del mantello terrestre, che è lo strato solido sotto la crosta terrestre. Lo scioglimento del mantello può verificarsi a causa di processi come lo scioglimento per decompressione, che si verifica quando le rocce del mantello salgono a profondità minori e la diminuzione della pressione abbassa il punto di fusione della roccia. Ciò può verificarsi ai confini delle placche divergenti dove le placche tettoniche si allontanano, consentendo al materiale del mantello di risalire e sciogliersi per formare magma basaltico.
  2. Fusione della crosta inferiore: Un altro processo che può generare basalto è lo scioglimento della crosta inferiore. Ciò può verificarsi in aree in cui la crosta è spessa, come durante la formazione di grandi catene montuose vulcaniche, dove la crosta inferiore può subire uno scioglimento parziale a causa dell'elevato calore e pressione. Questa crosta inferiore sciolta può quindi risalire in superficie ed eruttare come magma basaltico.
  3. Cristallizzazione frazionata: Il magma basaltico può subire una cristallizzazione frazionata, che è il processo in cui i minerali cristallizzano e si separano dal fuso mentre si raffredda. I primi minerali a cristallizzare dal magma sono tipicamente il feldspato plagioclasico ricco di calcio e il pirosseno, che sono più densi e si depositano sul fondo della camera magmatica, lasciando dietro di sé un fuso più ricco di silice. Questo fuso ricco di silice può quindi esplodere in superficie come magma basaltico, che può avere una composizione diversa rispetto al magma originale a causa della rimozione di alcuni minerali durante la cristallizzazione frazionata.
  4. Assimilazione e miscelazione del magma: I magmi basaltici possono anche subire l'assimilazione e la miscelazione del magma, che si verifica quando il magma interagisce e incorpora le rocce circostanti. Ad esempio, durante la risalita del magma basaltico verso la superficie terrestre, può assimilare e fondere le rocce circostanti, come rocce crostali o rocce basaltiche più antiche, che possono influenzare la composizione del magma. La miscelazione del magma può verificarsi anche quando due o più magmi con composizioni diverse entrano in contatto e si mescolano, portando a un magma ibrido con caratteristiche intermedie.
  5. Eterogeneità del mantello: Il mantello sotto la crosta terrestre non è uniformemente omogeneo e può contenere varie eterogeneità compositive, come pennacchi di mantello, crosta oceanica subdotta e litosfera oceanica riciclata. Queste eterogeneità del mantello possono influenzare la composizione e le caratteristiche dei magmi basaltici che derivano dallo scioglimento del mantello, con conseguenti variazioni nelle rocce basaltiche in tutto il mondo.

La petrogenesi del basalto è un processo complesso che coinvolge molteplici meccanismi, tra cui la fusione parziale del mantello, la fusione della crosta inferiore, la cristallizzazione frazionata, l'assimilazione e la miscelazione del magma e l'influenza delle eterogeneità del mantello. Lo studio della petrogenesi fornisce informazioni sull'origine e l'evoluzione delle rocce basaltiche, aiutando gli scienziati a comprendere i processi geologici che danno forma alla crosta e al mantello terrestre.

Cuscino basalto a Point Bonita
Cuscino basalto a Point Bonita

Significato ambientale ed economico del basalto

Il basalto ha diversi significati ambientali ed economici. Ecco qui alcuni di loro:

Significato ambientale del basalto:

  1. Formazione del suolo: Gli agenti atmosferici e l'erosione del basalto possono contribuire alla formazione del suolo, in quanto rilasciano nutrienti essenziali come calcio, magnesio e potassio nel terreno. I suoli basaltici sono spesso fertili e possono sostenere le attività agricole.
  2. Sequestro del carbonio: Il basalto ha il potenziale per il sequestro del carbonio, poiché reagisce con l'anidride carbonica (CO2) dall'atmosfera per formare minerali carbonatici stabili attraverso un processo chiamato carbonatazione minerale. Questo può aiutare a mitigare il cambiamento climatico immagazzinando la CO2 in forma solida e riducendone il rilascio nell'atmosfera.
  3. Habitat naturale: i paesaggi basaltici possono fornire habitat per varie specie vegetali e animali, tra cui flora e fauna uniche che si sono adattate alle dure condizioni dei terreni basaltici. Questi habitat possono avere un significato ecologico e di conservazione.

Significato economico del basalto:

  1. Edilizia Materiale: il basalto è ampiamente utilizzato come materiale da costruzione grazie alla sua durata, durezza e resistenza agli agenti atmosferici. Viene utilizzato come pietrisco per la costruzione di strade, massicciata ferroviaria, aggregati di calcestruzzo e pietre da costruzione. Le fibre di basalto, che derivano dalle rocce di basalto, sono utilizzate anche come rinforzo nei materiali da costruzione.
  2. Usi industriali: Il basalto può essere utilizzato in varie applicazioni industriali, come nella produzione di fibre di basalto, che ha eccellenti proprietà meccaniche e viene utilizzato in compositi, tessuti e altre applicazioni ad alte prestazioni. Il basalto è utilizzato anche come materia prima per la produzione di lana di roccia basaltica, un tipo di materiale isolante.
  3. Turismo e Ricreazione: I paesaggi basaltici, come colonne di basalto e colate laviche, possono essere attraenti per scopi turistici e ricreativi. Molti monumenti famosi, come il Selciato del gigante in Irlanda del Nord e il Devil's Tower negli Stati Uniti, sono fatti di basalto e attirano turisti da tutto il mondo.
  4. Energia geotermica: Le formazioni basaltiche possono fungere da serbatoi per la produzione di energia geotermica. L'acqua calda o il vapore possono essere estratti dalle rocce basaltiche sotterranee per generare elettricità, fornendo una fonte di energia rinnovabile e pulita.

In sintesi, il basalto ha un significato sia ambientale che economico, che va dal suo ruolo nella formazione del suolo, nel sequestro del carbonio e negli habitat naturali ai suoi usi come materiali da costruzione, applicazioni industriali, turismo e ricreazione e produzione di energia geotermica.

Staðarbjörg piccole scogliere di colonne di basalto

Sintesi dei punti chiave trattati nello schema

  1. Definizione, composizione e caratteristiche del basalto: Il basalto è una roccia vulcanica a grana fine che si forma dal rapido raffreddamento della lava sulla o vicino alla superficie terrestre. È composto principalmente da minerali di colore scuro come pirosseno, feldspato plagioclasico e talvolta olivina. Il basalto è tipicamente di colore scuro, denso e ha una consistenza a grana fine.
  2. Presenza e distribuzione del basalto a livello globale: Il basalto si trova in tutto il mondo e costituisce una porzione significativa della crosta terrestre. È comunemente associato all'attività vulcanica, come le isole vulcaniche, le dorsali medio-oceaniche e le province di basalto alluvionale. Le rocce basaltiche si trovano anche in ambienti continentali, come zone di spaccatura e altipiani vulcanici.
  3. Importanza del basalto in geologia, geofisica e storia della Terra: Il basalto svolge un ruolo cruciale nella comprensione della geologia, della geofisica e della storia della Terra. Fornisce approfondimenti sui processi vulcanici, tettonica delle placche, e la composizione e l'evoluzione del mantello terrestre. Le rocce basaltiche conservano anche informazioni importanti sulle condizioni ambientali passate e sui cambiamenti climatici.
  4. Petrologia del basalto: Il basalto ha una petrologia specifica caratterizzata dalla sua composizione minerale, consistenza e struttura. Tipicamente contiene minerali come pirosseno, feldspato plagioclasico e olivina e può avere varie trame e strutture, come giunzioni vescicolari, amigdaloidali e colonnari.
  5. Mineralogia e principali minerali che formano le rocce nel basalto: Il basalto è composto principalmente da minerali di colore scuro, tra cui pirosseno, feldspato plagioclasico e talvolta olivina. Questi minerali sono i principali minerali che formano la roccia nel basalto e contribuiscono alla sua caratteristica composizione e consistenza.
  6. Tipi di basalto: Il basalto può essere classificato in diversi tipi in base a vari criteri, come la sua mineralogia, consistenza e caratteristiche geochimiche. I tipi comuni di basalto includono il basalto tholeiitico, il basalto alcalino e il basalto di transizione, tra gli altri.
  7. Tessitura e struttura del basalto: Il basalto può presentare varie trame e strutture, a seconda delle condizioni di formazione e della storia di raffreddamento. La struttura si riferisce alla dimensione e alla disposizione dei grani minerali nella roccia, mentre la struttura si riferisce alla forma complessiva e alla disposizione dell'ammasso roccioso, come la giunzione colonnare, la tessitura vescicolare e le bande di flusso.
  8. Geochimica del basalto: Il basalto ha una composizione geochimica unica che ne riflette l'origine e l'evoluzione. Le rocce basaltiche sono tipicamente caratterizzate da basso contenuto di silice, alto contenuto di ferro e magnesio e arricchimento di alcuni oligoelementi. L'analisi geochimica del basalto può fornire informazioni sulla sua origine, composizione del magma e ambiente tettonico.
  9. Petrogenesi del basalto: La petrogenesi del basalto coinvolge i processi di generazione, trasporto e messa in posto del magma. I magmi basaltici possono formarsi per scioglimento parziale del mantello terrestre, o per scioglimento della crosta inferiore o della crosta oceanica in subduzione. La composizione e le caratteristiche del basalto sono influenzate da questi processi petrogenetici.
  10. Classificazione del basalto: Il basalto può essere classificato in diversi tipi in base a vari criteri, come la sua mineralogia, consistenza e caratteristiche geochimiche. Gli schemi di classificazione, come il diagramma TAS, vengono utilizzati per classificare le rocce basaltiche in diversi gruppi, fornendo informazioni sulla loro petrogenesi e impostazione tettonica.
  11. Significato ambientale ed economico del basalto: Il basalto ha diversi significati ambientali ed economici. Può contribuire alla formazione del suolo, fungere da serbatoio per il seque di carbonio
Basalto, Islanda

Domande frequenti sul basalto

D: Cos'è il basalto?

R: Il basalto è una roccia vulcanica a grana fine che si forma dal rapido raffreddamento della lava sulla o vicino alla superficie terrestre. È composto principalmente da minerali di colore scuro come pirosseno, feldspato plagioclasico e talvolta olivina. Il basalto è tipicamente di colore scuro, denso e ha una consistenza a grana fine.

D: Dove si trova il basalto?

R: Il basalto si trova in tutto il mondo e costituisce una porzione significativa della crosta terrestre. È comunemente associato all'attività vulcanica, come le isole vulcaniche, le dorsali medio-oceaniche e le province di basalto alluvionale. Le rocce basaltiche si trovano anche in ambienti continentali, come zone di spaccatura e altipiani vulcanici.

D: Quali sono i principali minerali nel basalto?

A: I principali minerali nel basalto sono il pirosseno, il feldspato plagioclasico e talvolta l'olivina. Questi minerali costituiscono la maggior parte della composizione della roccia e contribuiscono alla sua caratteristica struttura e aspetto.

D: Quali sono i tipi di basalto?

A: Il basalto può essere classificato in diversi tipi in base a vari criteri, come la sua mineralogia, consistenza e caratteristiche geochimiche. I tipi comuni di basalto includono il basalto tholeiitico, il basalto alcalino e il basalto di transizione, tra gli altri.

D: Qual è la petrogenesi del basalto?

A: La petrogenesi del basalto coinvolge i processi di generazione, trasporto e posizionamento del magma. I magmi basaltici possono formarsi per scioglimento parziale del mantello terrestre, oppure per scioglimento della crosta inferiore o della crosta oceanica in subduzione. La composizione e le caratteristiche del basalto sono influenzate da questi processi petrogenetici.

D: Qual è la geochimica del basalto?

R: Il basalto ha una composizione geochimica unica che ne riflette l'origine e l'evoluzione. Le rocce basaltiche sono tipicamente caratterizzate da basso contenuto di silice, alto contenuto di ferro e magnesio e arricchimento di alcuni oligoelementi. L'analisi geochimica del basalto può fornire informazioni sulla sua origine, composizione del magma e ambiente tettonico.

D: Qual è l'importanza del basalto nella geologia e nella storia della Terra?

R: Il basalto gioca un ruolo cruciale nella comprensione della geologia, della geofisica e della storia della Terra. Fornisce approfondimenti sui processi vulcanici, la tettonica a placche e la composizione e l'evoluzione del mantello terrestre. Le rocce basaltiche conservano anche importanti informazioni sulle condizioni ambientali passate e sui cambiamenti climatici.

D: Quali sono i significati economici e ambientali del basalto?

A: Il basalto ha diversi significati economici e ambientali. Può essere utilizzato come materia prima per l'edilizia, la costruzione di strade e come pietra decorativa. Il basalto può anche contribuire alla formazione del suolo e fungere da serbatoio per il sequestro del carbonio. Tuttavia, la sua estrazione e il suo utilizzo possono anche avere impatti ambientali, come la distruzione dell'habitat e la distruzione dell'ecosistema. Una corretta gestione e pratiche di sostenibilità sono importanti per mitigare questi impatti.

Referenze

  • Le Maitre, RW (2005). Rocce ignee: una classificazione e un glossario dei termini: raccomandazioni della sottocommissione dell'Unione internazionale delle scienze geologiche sulla sistematica delle rocce ignee, 2a edizione. Pressa dell'Università di Cambridge.
  • Ronald Louis Bonewitz, (2012) NATURE GUIDE AND MINERALS, Smithsonian NATURE GUIDE, LONDRA, NEW YORK, MELBOURNE, MONACO DI BAVIERA E DELHI
  • Sandatlas.org. (2019). Basalto - Rocce ignee. [online] Disponibile su: https://www.sandatlas.org/basalt/ [Consultato il 4 marzo 2019].