Il gabbro è un tipo di roccia ignea intrusiva a grana grossa e di colore scuro, tipicamente composta da plagioclasio ricco di calcio feldspato, pirosseno, e qualche volta olivina. È simile nella composizione a basalto, che è il suo equivalente estrusivo. Il gabbro si trova tipicamente nei corpi plutonici, come batoliti e dighe, ed è spesso associato ad altri mafici e ultramafici rocce.

Gruppo: Roccia ignea plutonica
Colore: Da grigio scuro a nero.
Texture: Faneritico (a grana da media a grossa).
Contenuto minerale: Prevalentemente plagioclasio e pirosseno (augite) con minore olivina. Silice (SiO 2) contenuto – 45%-52%.

Composizione e Classificazione

Classificazione modale QAPF delle rocce plutoniche (basata su Streckeisen, 1976, Fig. 1a). I vertici del doppio triangolo sono Q = quarzo, A = feldspato alcalino, P = plagioclasio e F = feldspatoide. Questo diagramma non deve essere utilizzato per rocce in cui il contenuto di minerali mafici, M, è superiore al 90%.
Classificazione modale QAPF delle rocce plutoniche (basata su Streckeisen, 1976, Fig. 1a).

Il più importante minerali nel gabbron sono plagioclasio e pirosseno. il plagioclasio spesso appare di più. È una piccola quantità di olivina e anfibolo. Il plagioclasio è feldspato sodico-calcico. Gabrobro contiene più calcio che sodio. Se c'è più sodio nel plagioclasio, viene chiamato il tipo di roccia diorite. Il gabbro è verdastro e scuro.

Lo schema di classificazione delle rocce gabbriche senza tener conto di olivina e feldspatoidi.

Diorite, gabbro, anortosite — i tre nomi di radice in questo campo sono separati in base all'indice di colore e alla composizione media del loro plagioclasio: anortosite (M < 10%), diorite (M > 10%, plagioclasio An0
– An50), gabbro (M > 10%, plagioclasio An50 –An100). I Gabbros possono essere ulteriormente suddivisi. Uno dei due termini sinonimi dolerite o diabasi se necessario, può essere utilizzato per gabbro a grana media anziché il termine microgabbro.

Rocce gabbriche— i gabbri (sensu lato) del campo QAPF 10, possono essere ulteriormente suddivisi in base alle abbondanze relative del loro ortopirosseno, clinopirosseno, olivina e orneblenda come mostrato in Fig. Alcuni dei termini speciali utilizzati sono:
Gabbro (in senso stretto) = plagioclasio e clinopirosseno
Tu vuoi = plagioclasio e ortopirosseno
Troctolite = plagioclasio e olivina
Gabbronorite = plagioclasio con quantità quasi uguali di clinopirosseno e ortopirosseno
Gabbro di ortopirosseno = plagioclasio e clinopirosseno con minori quantità di ortopirosseno

Clinopirosseno norite = plagioclasio e ortopirosseno con minori quantità di clinopirosseno
Gabbro di orneblenda = plagioclasio e orneblenda con pirosseno < 5%.

Formazione Gabbro

Il gabbro si forma attraverso il processo di solidificazione del magma mafico, di cui è ricco ferro e magnesio, e si verifica tipicamente a livelli relativamente profondi all'interno della crosta terrestre o del mantello superiore. La formazione del gabbro prevede diverse fasi chiave:

  1. Generazione del magma: Il Gabbro si forma dalla fusione parziale del mantello o della crosta inferiore, tipicamente in associazione a processi tettonici come la risalita del mantello, la subduzione o il rifting continentale. Il magma mafico, che ha una composizione ricca di ferro e magnesio, si genera attraverso la fusione di rocce del mantello o rocce crostali precedentemente arricchite di minerali mafici.
  2. Migrazione del magma: Una volta formato, il magma mafico tende ad essere meno denso delle rocce circostanti e tende a risalire verso la superficie terrestre a causa della galleggiabilità. Il magma può viaggiare attraverso fratture, guasti, o altri percorsi nella crosta, spostandosi verso la superficie o rimanendo intrappolati a profondità intermedie.
  3. Posizionamento del magma: Quando il magma mafico risale e raggiunge la sua destinazione finale, può intromettersi nelle rocce esistenti o eruttare sulla superficie terrestre come lava. Nel caso del gabbro, il magma tipicamente si intromette nella crosta, formando corpi intrusivi. Questi corpi possono assumere varie forme, come dicchi, davanzali, laccoliti o corpi più grandi chiamati plutoni.
  4. Solidificazione: Una volta che il magma mafico si è insediato nella crosta, inizia a raffreddarsi e solidificarsi. Il gabbro si forma mentre il magma si raffredda lentamente, consentendo la cristallizzazione di minerali come pirosseno, feldspato plagioclasico, e talvolta olivina. Il lento raffreddamento del magma porta alla formazione di cristalli a grana grossa, caratteristici del gabbro.
  5. Processi di post-inserimento: Dopo la solidificazione, i corpi gabbroici possono subire vari processi post-messa in posizione come deformazione, metamorfismo e agenti atmosferici, a seconda delle condizioni geologiche e della storia tettonica della regione. Questi processi possono modificare ulteriormente la composizione e la tessitura delle rocce gabbriche.

Nel complesso, il gabbro si forma attraverso la solidificazione del magma mafico, che ha origine dalla fusione parziale del mantello o della crosta inferiore, ed è tipicamente posto nella crosta come corpi intrusivi che si raffreddano e cristallizzano lentamente per formare rocce a grana grossa con una caratteristica composizione minerale .

Presenza e distribuzione del Gabbro

Il gabbro è un tipo di roccia comune che si trova in vari contesti geologici in tutto il mondo. Ecco alcuni dettagli sulla sua presenza e distribuzione:

  1. crosta oceanica: Il Gabbro è un tipo di roccia importante nella crosta oceanica, che costituisce una parte significativa della superficie terrestre. Si forma come parte del lento raffreddamento e solidificazione del magma mafico che viene eruttato sulle dorsali oceaniche e si intromette nella crosta oceanica circostante. Le rocce gabbriche si trovano tipicamente nella parte inferiore della crosta oceanica, al di sotto delle rocce basaltiche che ne costituiscono la parte superiore.
  2. Intrusioni stratificate: Il Gabbro è un tipo di roccia comune nelle intrusioni stratificate, che sono grandi corpi di roccia ignea che si formano quando il magma si solidifica in strati orizzontali per un lungo periodo di tempo. Esempi di intrusioni stratificate con componenti gabbrici significativi includono il Complesso Bushveld in Sud Africa, il Complesso Stillwater nel Montana, USAe l'intrusione di Skaergaard in Groenlandia.
  3. crosta continentale: Il Gabbro si trova anche nella crosta continentale, solitamente associato ad altre rocce mafiche e ultramafiche. In alcuni casi, i corpi gabbro possono essere esposti in superficie a causa dell'erosione e degli agenti atmosferici, oppure possono essere sepolti al di sotto rocce sedimentarie.
  4. La Montagna cinghie: Le rocce gabbriche si trovano nelle catene montuose e nelle aree di attività tettonica dove si sono verificate intrusioni magmatiche. Ad esempio, le rocce gabbriche si trovano nei Monti Appalachi nell'America settentrionale orientale, nelle Alpi in Europa e nelle Ande in Sud America.
  5. Archi dell'isola: Le rocce gabbriche possono trovarsi anche negli archi insulari, che sono catene curve di isole vulcaniche formate nelle zone di subduzione. In questi ambienti, le rocce gabbriche possono formarsi come corpi intrusivi sotto l'arco vulcanico.

Nel complesso, il gabbro è un tipo di roccia diffuso che si trova in vari contesti geologici, tra cui la crosta oceanica, le intrusioni stratificate, la crosta continentale, le cinture montuose e gli archi delle isole. La sua distribuzione è influenzata dai processi tettonici e dalla storia geologica della regione in cui si trova.

Gabbro e Basalto Differenza 

Le rocce sono molto comuni nel mondo. Il motivo per cui sono così diffusi è che sono formati da magma o lava, che si raffreddano direttamente man mano che si avvicinano alla superficie terrestre. Sebbene entrambe siano rocce magmatiche con quasi la stessa composizione, la principale differenza tra queste due rocce è il processo di formazione o la velocità di raffreddamento della roccia liquida che iniziano.

Il gabbro si verifica quando la roccia liquida viene raffreddata molto lentamente per un lungo periodo di tempo nel sottosuolo. Questa è una roccia magmatica intrusiva ed è vicina al nucleo molto caldo del mondo, motivo per cui impiega più tempo a raffreddarsi, e quindi la roccia è visibilmente molto diversa dall'opposto del basalto. I cristalli sono molto grandi e chiari ad occhio nudo e la trama è molto grossolana. Questa struttura a grana grossa può essere etichettata porfirica o una miscela di cristalli a grana grande e più fine, che sono cristalli molto grandi. Il tempo necessario affinché la roccia liquida si raffreddi determinerà la consistenza.
D'altra parte, la basalto è una roccia magmatica effusiva. La superficie è molto più vicina alla superficie terrestre e quindi il processo di raffreddamento è molto più veloce del gabbone. Il fatto che la velocità di raffreddamento sia molto più elevata conferisce al basale quella che chiama consistenza afanitica, ovvero è così finemente granulosa da non essere vista dall'occhio umano indifeso.

Usi del Gabbro

Il gabbro può essere lucidato fino a ottenere un bagliore nero brillante. I segni cimiteriali in gabbro lucidato brillante sono utilizzati nelle bancarelle della cucina, nelle piastrelle del pavimento, nella pietra per facciate e in prodotti in pietra di altre dimensioni. È una roccia altamente desiderabile in base al tempo e all'usura. Nell'industria lapidea il gabbro viene venduto con il nome di “granito nero”. Il gabbro viene utilizzato anche per realizzare un gran numero di prodotti sgrossati, come bordure, pietre, selciati e altri prodotti. L'uso più comune del gabbro è come pietrisco o aggregato. Il gabbro frantumato viene utilizzato come materiale di base nei progetti di costruzione, come pietrisco per la costruzione di strade, come massicciata ferroviaria e come riempitivo dove è necessaria una pietrisco resistente.

Punti chiave su Gabbro

  • Composizione: il Gabbro è composto principalmente da feldspato plagioclasico ricco di calcio, solitamente labradorite or bytownite, e pirosseno, tipicamente clinopirosseno (come augite) o ortopirosseno (come iperstene). Può anche contenere piccole quantità di olivina, anfibolo e altri minerali.
  • Consistenza: il gabbro ha una consistenza a grana grossa, con singoli grani minerali visibili ad occhio nudo. I grani sono tipicamente intrecciati, conferendo alla roccia il suo aspetto caratteristico.
  • Colore: il gabbro è tipicamente di colore scuro, che va dal grigio scuro al nero, per la presenza di minerali di colore scuro come il pirosseno e l'olivina.
  • Evento: il gabbro si trova comunemente in grandi corpi plutonici, come i batoliti, che sono grandi formazioni rocciose intrusive, e le dighe, che sono intrusioni tabulari che tagliano altre rocce. Può anche essere trovato in intrusioni stratificate, come nel Complesso Bushveld in Sud Africa.
  • Petrogenesi: il gabbro si forma tipicamente attraverso il lento raffreddamento e la cristallizzazione del magma mafico sotto la superficie terrestre. Man mano che il magma si raffredda e si solidifica, iniziano a formarsi i cristalli minerali, dando luogo alla struttura a grana grossa del gabbro.
  • Usi: Gabbro è usato come pietra dimensionale per scopi edilizi e architettonici, poiché è durevole e può essere lucidato a specchio. Viene anche utilizzato come pietrisco per la costruzione di strade e aggregato nel calcestruzzo. In alcuni casi, il gabbro può contenere preziosi minerali come nichel, ramee platino elementi di gruppo (PGE) e possono essere estratti per queste risorse.
  • Geologia: il gabbro è una roccia importante nella geologia della crosta terrestre, in quanto è un componente comune della crosta oceanica e si trova anche nella crosta continentale. Svolge un ruolo nella formazione di grandi province ignee, che sono massicce effusioni di rocce ignee che possono avere impatti geologici e ambientali significativi.
  • Associazioni rocciose: il gabbro è spesso associato ad altre rocce mafiche e ultramafiche, come basalto, peridotiti, e norite, e possono far parte di intrusioni stratificate in cui diversi tipi di roccia si trovano in strati o bande distinti.

In sintesi, il gabbro è una roccia ignea intrusiva a grana grossa, di colore scuro, composta principalmente da feldspato plagioclasico ricco di calcio e pirosseno. Si trova comunemente in grandi corpi plutonici, ha vari usi nell'edilizia e nell'industria e svolge un ruolo importante in geologia e geofisica.

Domande frequenti su Gabbro

Ecco alcune domande frequenti (FAQ) sul gabbro:

D: Cos'è il gabbro?

A: Il gabbro è un tipo di roccia ignea intrusiva a grana grossa e di colore scuro, composta principalmente da feldspato plagioclasico ricco di calcio, pirosseno e talvolta olivina.

D: Come si forma il gabbro?

R: Il gabbro si forma attraverso il lento raffreddamento e la cristallizzazione del magma mafico sotto la superficie terrestre. Quando il magma si raffredda, i cristalli minerali iniziano a formarsi, risultando nella struttura a grana grossa del gabbro.

D: Quali minerali si trovano tipicamente nel gabbro?

A: Il gabbro è tipicamente composto da feldspato plagioclasico ricco di calcio (come labradorite o bytownite), pirosseno (come augite o iperstene) e talvolta olivina. Può anche contenere piccole quantità di altri minerali, come l'anfibolo.

D: Qual è il colore del gabbro?

R: Il gabbro è tipicamente di colore scuro, che va dal grigio scuro al nero, a causa della presenza di minerali di colore scuro come pirosseno e olivina.

D: Dove si trova comunemente il gabbro?

R: Il gabbro si trova comunemente in grandi corpi plutonici, come batoliti e dighe, e può essere trovato anche in intrusioni stratificate. È un componente comune della crosta oceanica e può verificarsi anche nella crosta continentale.

D: Quali sono gli usi del gabbro?

R: Il gabbro viene utilizzato come pietra dimensionale per scopi edilizi e architettonici, poiché è resistente e può essere lucidato a specchio. Viene anche utilizzato come pietrisco per la costruzione di strade e aggregato nel calcestruzzo. In alcuni casi, il gabbro può contenere minerali preziosi come nichel, rame ed elementi del gruppo del platino (PGE) e può essere estratto per queste risorse.

D: Qual è la consistenza del gabbro?

R: Il gabbro ha una consistenza a grana grossa, con singoli grani minerali visibili ad occhio nudo. I grani sono tipicamente intrecciati, conferendo alla roccia il suo aspetto caratteristico.

D: Quali altre rocce sono associate al gabbro?

R: Il gabbro è spesso associato ad altre rocce mafiche e ultrafemiche, come basalto, peridotite e norite, e può far parte di intrusioni stratificate in cui diversi tipi di roccia si trovano in strati o bande distinti.

D: Qual è il significato geologico del gabbro?

R: Il gabbro è una roccia importante nella geologia della crosta terrestre, in quanto è un componente comune della crosta oceanica e si trova anche nella crosta continentale. Svolge un ruolo nella formazione di grandi province ignee, che sono massicce effusioni di rocce ignee che possono avere impatti geologici e ambientali significativi.

D: Ci sono risorse economiche associate al gabbro?

R: Sì, il gabbro può contenere minerali preziosi come nichel, rame ed elementi del gruppo del platino (PGE) e può essere estratto per queste risorse. Tuttavia, tali eventi sono relativamente rari e non tutti i corpi di gabbro contengono concentrazioni economiche di questi minerali.

Queste sono alcune domande e risposte comuni sul gabbro, un tipo di roccia ignea intrusiva con un importante significato geologico, economico e industriale.

Testimonianze