Orneblenda è un inosilicato anfibolo minerali, che sono due minerali di tipo orneblenda. Sono ferrohornblende e magnesiohornblende. Sono una miscela isomorfa di tre molecole; un silicato di calcio-ferro-magnesio, un silicato di alluminio-ferro-magnesio e un silicato di ferro-magnesio. Il nome orneblenda viene applicato a un gruppo di minerali che possono essere distinti l'uno dall'altro solo mediante un'analisi chimica dettagliata. I due orneblendi dei membri terminali, ferroorblenda ricco di ferro e magnesioorneblenda ricco di magnesio, sono entrambi ricchi di calcio e monoclini nella struttura cristallina. Altri elementi, come ad es cromo, titanioe nichel, può anche apparire nelle strutture cristalline del gruppo. Le concentrazioni di questi elementi sono un indicatore del grado metamorfico del minerale. I campioni sono di colore verde, verde scuro o da verde brunastro a nero. I cristalli sono generalmente a lama e senza terminazione e spesso mostrano una sezione trasversale pseudoesagonale. I cristalli ben formati sono prismi corti o lunghi. Si presentano anche come masse scindibili e gruppi radianti. Il minerale si forma rocce metamorfiche, in particolare gneiss, orneblenda scisti, anfiboliti e ricchi di magnesio e ferro rocce ignee.

Nome: La parola deriva dal tedesco corno e blenden, per "ingannare" in allusione alla sua somiglianza nell'aspetto con il metallo. minerali minerali.

Associazione ferro-orneblenda: edenbergite (granito); biotite, epidoto, albit, quarzo (anfibolite)

Magnesio-orneblenda: Quarzo, orthoclase, plagioclasio, biotite, magnetite, apatite (granito).

Polimorfismo e serie: Forma una serie con magnesiohornblende (Magnesio-hornblende). Forma una serie con ferrohornblende (Ferro-hornblende)

Gruppo Minerale: supergruppo anfibolo

Proprietà chimiche

Classificazione chimica Minerale di silicato
Formula generale (Ca,Na)2–3(Mg,Fe,Al)5(Al,Si)8O22(OH,F)2.
Ferro-orneblenda {Ca2}{Fe2+4Al}(AlSi7O22)(OH)2
Magnesio-orneblenda {Ca2}{Mg4Al}(AlSi7O22)(OH)2
Impurità comuni Ti, Mn, Na, K

Proprietà fisiche dell'orneblenda

Colore Di solito nero, verde scuro, marrone scuro
Striscia Bianco, incolore – (fragile, spesso lascia residui di scollatura invece di una striscia)
Luster Vitreo
sfaldamento Due direzioni che si intersecano a 124 e 56 gradi
Diafanità Da traslucido a quasi opaco
Mohs Durezza da 5 a 6
Sistema di cristallo monoclino

Proprietà ottiche del ferro-orneblenda

Colore / Pleocroismo Pleocroico in varie tonalità di verde e marrone. Nel PPL una sottile sezione dell'Orneblenda varia dal giallo-verde al marrone scuro. Le varietà verdi hanno solitamente X= verde giallo chiaro, Y= verde o grigio-verde e Z= verde scuro. Le varietà brunastre hanno X=giallo-verdastro/marrone, Y=da giallastro a bruno-rossastro e Z=da grigio a marrone scuro.
2V: Misurato: da 12° a 76°, Calcolato: da 30° a 62°
Valori RI: nα = 1.687 – 1.694 nβ = 1.700 – 1.707 nγ = 1.701 – 1.712
Segno ottico Biassiale (-)
Birifrangenza δ = 0.014 - 0.018
Sollievo Alta
Dispersione: r > v o r < v
Estinzione Simmetrico alle fenditure
Caratteristiche distintive          Sfaldature a 56 e 124 gradi che formano un segno distintivo diamante forma in sezione trasversale. È facile confondersi con Hornblenda biotite. Fattori distintivi sono la mancanza di estinzione a volo d'uccello e le due distinte clivaggi. Il gemellaggio semplice è relativamente comune. L'abito cristallino e la sfaldatura distinguono l'orneblenda dai pirosseni di colore scuro.

Proprietà ottiche del magnesio-orneblenda

Colore / Pleocroismo Pleocroico in varie tonalità di verde e marrone. Nel PPL una sottile sezione dell'Orneblenda varia dal giallo-verde al marrone scuro. Le varietà verdi hanno solitamente X= verde giallo chiaro, Y= verde o grigio-verde e Z= verde scuro. Le varietà brunastre hanno X=giallo-verdastro/marrone, Y=da giallastro a bruno-rossastro e Z=da grigio a marrone scuro.
2V: Misurato: da 66° a 85°, Calcolato: da 58° a 88°
Valori RI: nα = 1.616 – 1.680 nβ = 1.626 – 1.695 nγ = 1.636 – 1.700
Segno ottico Biassiale (-)
Birifrangenza δ = 0.020
Sollievo Moderare
Dispersione: r > v o r < v
Estinzione Simmetrico alle fenditure
Caratteristiche distintive          Scissioni a 56 e 124 gradi che formano una caratteristica forma a diamante in sezione trasversale. L'orneblenda si confonde facilmente con la biotite. Fattori distintivi sono la mancanza di estinzione a volo d'uccello e le due distinte clivaggi. Il gemellaggio semplice è relativamente comune. L'abito cristallino e la sfaldatura distinguono l'orneblenda dai pirosseni di colore scuro.

Presenza di orneblenda

È un componente comune di molti magmatici e metamorfici rocce ad esempio granito, sienite, diorite, Gabbro, basalto, andesite, gneiss e scisto.

È il minerale principale degli anfiboliti. Gli orneblendi da marrone molto scuro a nero contenenti titanio sono normalmente chiamati orneblendi basaltici, poiché sono solitamente un componente del basalto e delle rocce correlate. Hornblende sostituisce facilmente clorito e epidoto.

Un raro tipo di orneblenda contiene meno del 5% di ferro ossido, è di colore da grigio a bianco e Edenite è chiamato Edenite da Orange County, New York.

Evento di magnesio-orneblenda: Comune in anfiboliti, scisti e gabbro alcalino pegmatitico. Anche da tu® saldati, granodioriti, graniti e tonaliti.

Evento ferro-orneblenda: Da graniti, granodioriti e metabasalti; comune in anfiboliti e scisti. Come cerchi di reazione su hedenbergite ferroan.

Usi Zona

È il minerale più abbondante in una roccia nota come anfibolite, che ha numerosi usi.

  • Schiacciato e utilizzato come massicciata stradale e ferroviaria.
  • È stato tagliato per essere usato come pietra dimensionale.
  • I pezzi di altissima qualità vengono tagliati, lucidati e venduti con il nome di "granito nero" per essere utilizzati come facciate di edifici, piastrelle per pavimenti, controsoffitti e altri usi architettonici.
  • È stato utilizzato per stimare la profondità di cristallizzazione delle rocce plutoniche. Quelli con basso alluminio contenuto sono associati alla cristallizzazione a bassa profondità, mentre quelli con alto contenuto di alluminio sono associati a maggiori profondità di cristallizzazione. Queste informazioni sono utili anche per comprendere la cristallizzazione del magma e per la ricerca mineraria.

Distribuzione

Magnesio-orneblenda

Molto diffuso. Alcune località confermate includono:

  • al Vesuvio e Monte Somma, Campania, Italia.
  • Nei batoliti granitici delle Highlands scozzesi; Alpi svizzere e italiane; Montagne Harz, Germania; Finlandia e Svezia.
  • Nei batoliti della California meridionale e della Sierra Nevada, California, USA.
  • Diffuso in Giappone.

Ferro-orneblenda

Molto diffuso, ma molti riferimenti di località mancano di analisi chimiche qualificanti. Alcune località storiche per materiale ben cristallizzato includono:

  • al Monte Somma e al Vesuvio, Campania, Italia.
  • Da Pargas, Finlandia.
  • A KragerÄo, Arendal e intorno al Langesundsfjord, Norvegia.
  • Da Blina e Schima, Repubblica Ceca.
  • Negli Stati Uniti, da Franklin e Sterling Hill, Ogdensburg, Sussex Co., New Jersey; da Edwards, Pierrepont e Gouverneur, St. Lawrence Co., New York.
  • Da Bancroft, Pakenham e Eganville, Ontario, Canada.
  • Da Broken Hill, Nuovo Galles del Sud, Australia.

Referenze

  • Bonewitz, R. (2012). Rocce e minerali. 2a ed. Londra: pubblicazione DK.
  • Handbookofmineralogy.org. (2019). Manuale di Mineralogia. [online] Disponibile all'indirizzo: http://www.handbookofmineralogy.org [accesso effettuato il 4 marzo 2019].
  • Mindat.org. (2019). Orpimento: Informazioni sui minerali, dati e località.. [online] Disponibile su: https://www.mindat.org/ [Consultato. 2019].
  • Smith.edu. (2019). Geoscienze | Collegio Smith. [online] Disponibile su: https://www.smith.edu/academics/geosciences [Consultato il 15 marzo 2019].