Sostituzione del carbonato Depositi (CRD) sono formazioni geologiche che risultano dalla sostituzione di carbonati preesistenti rocce by minerali minerali, spesso metalli come portare, zincoe rame. Questi depositi sono fonti significative di metalli di base e sono di importanza economica a causa della concentrazione di metalli preziosi minerali dentro di loro.

Sezione trasversale schematica e deposito di sostituzione del carbonato

Caratteristiche di base:

  1. Processo di formazione: I CRD si formano tipicamente attraverso un processo di sostituzione in cui fluidi idrotermali ricchi di metalli filtrano attraverso le rocce carbonatiche, dissolvendo i minerali originali e sostituendoli con minerali minerali. Il processo di sostituzione avviene in risposta ai cambiamenti di temperatura, pressione e composizione chimica dei fluidi.
  2. Minerali minerali: I minerali minerali primari presenti nei CRD includono sfalerite (zinco), galena (piombo) e calcopirite (rame). Questi minerali spesso si accumulano all'interno delle rocce ospiti carbonatiche alterate, creando depositi economicamente sostenibili.
  3. Rocce ospitanti: Le rocce ospiti per i CRD sono rocce carbonatiche come calcare più dolomite. La sostituzione di queste rocce carbonatiche con minerali minerali porta alla formazione di zone mineralizzate distinte all'interno del deposito.
  4. Distribuzione spaziale: I CRD possono mostrare un'ampia gamma di distribuzioni spaziali, da giacimenti minerari localizzati a estese zone mineralizzate. La distribuzione dei minerali minerali è influenzata dalle strutture geologiche, dai percorsi dei fluidi e dalla natura delle rocce ospiti.

Contesto storico e scoperta: La scoperta dei CRD risale alla fine del XIX e all'inizio del XX secolo. Una delle prime scoperte degne di nota avvenne nel famoso giacimento di Broken Hill in Australia nel 19. Broken Hill è un classico esempio di CRD, con piombo, zinco e argento minerali che sostituiscono le rocce carbonatiche.

Nel corso del tempo, i CRD sono stati identificati in vari contesti geologici in tutto il mondo. Messico, Stati Uniti, Canada, Perù e Cina sono tra i paesi che ospitano depositi CRD significativi. I progressi nella comprensione geologica e nelle tecniche di esplorazione hanno svolto un ruolo cruciale nella continua scoperta dei CRD.

Importanza: I CRD sono economicamente importanti in quanto possono ospitare elevate concentrazioni di metalli preziosi. L’estrazione di questi depositi contribuisce in modo significativo alla produzione globale di piombo, zinco e rame. Comprendere i processi geologici e le caratteristiche dei CRD è essenziale per il successo dell'esplorazione e dello sfruttamento di queste risorse minerarie.

Ambiente geologico e formazione

Rocce ospitanti: I depositi di sostituzione del carbonato (CRD) si verificano principalmente nelle sequenze carbonatiche, dove calcare e dolomite sono le rocce ospiti predominanti. Queste rocce carbonatiche forniscono la struttura necessaria per la formazione di CRD attraverso la sostituzione dei minerali originali con minerali minerali.

Impostazioni tettoniche favorevoli alla formazione di CRD: I CRD sono spesso associati a specifici contesti tettonici e ambienti geologici. Alcune delle impostazioni tettoniche comuni che favoriscono la formazione di CRD includono:

  1. Folded La Montagna cinture: I CRD si trovano frequentemente in regioni associate a cinture montuose ripiegate. La compressione e la deformazione associate all'attività tettonica in questi contesti creano fratture e guasti, fornendo percorsi per i fluidi idrotermali.
  2. Zone di subduzione: Gli ambienti tettonici in cui una placca tettonica subduce sotto un'altra possono favorire la formazione di CRD. Il magmatismo legato alla subduzione e la circolazione dei fluidi possono portare alla alterazione e sostituzione delle rocce carbonatiche.
  3. Zone di spaccatura: Le zone di rift, dove la litosfera terrestre viene smembrata, possono creare condizioni favorevoli per la circolazione dei fluidi idrotermali. La tettonica estensionale associata alle zone di rift può provocare lo sviluppo di fratture e faglie, fornendo percorsi per la mineralizzazione dei fluidi.
  4. Guasto zone: I sistemi di faglia, indipendentemente dal contesto tettonico specifico, possono svolgere un ruolo cruciale nella formazione della CRD. Le faglie fungono da condotti per i fluidi idrotermali, consentendo loro di migrare attraverso la crosta terrestre e di interagire con le rocce carbonatiche.

Processi idrotermali coinvolti nella formazione del CRD: La formazione di depositi sostitutivi di carbonato coinvolge complessi processi idrotermali. Ecco i passaggi chiave:

  1. Fluidi idrotermali: Fluidi caldi e ricchi di metalli, spesso associati all'attività magmatica, circolano attraverso la crosta terrestre. Questi fluidi possono provenire dal mantello o da parti più profonde della crosta.
  2. Interazione fluido-roccia: I fluidi idrotermali interagiscono con le rocce carbonatiche ospitanti (calcare e dolomite). Questa interazione comporta la dissoluzione dei minerali carbonatici originali e la precipitazione dei minerali minerali al loro posto. Il processo di sostituzione è guidato dai cambiamenti di temperatura, pressione e composizione chimica dei fluidi.
  3. zonizzazione: I CRD spesso mostrano uno schema zonale, con diverse zone di mineralizzazione corrispondenti a variazioni di temperatura, pressione e composizione del fluido. Questa zonizzazione può includere zone centrali con le concentrazioni di metalli più elevate circondate da zone periferiche con concentrazioni inferiori.
  4. Mineralizzazione correlata a fratture e faglie: Faglie e fratture all'interno delle rocce ospiti forniscono condotti per i fluidi idrotermali. La mineralizzazione è spesso concentrata lungo queste strutture, con conseguente formazione di giacimenti minerari all'interno del più ampio sistema CRD.

Comprendere i processi geologici e idrotermali coinvolti nella formazione del CRD è essenziale per l'esplorazione mineraria e la valutazione delle risorse. Progressi nella cartografia geologica, geochimica e geofisica contribuire all’identificazione e alla caratterizzazione di potenziali depositi CRD.

Minerali minerali e mineralizzazione

Sfalerite-Elmwood-Mine-Smith-County-Tennessee-USA2
Sfalerite-Elmwood-Mine-Smith-County-Tennessee-USA2

Minerali minerali:

I minerali primari associati ai depositi di sostituzione del carbonato (CRD) includono:

  1. Sfalerite (solfuro di zinco): La sfalerite è un minerale comunemente presente nei CRD ed è la fonte primaria di zinco. Forma spesso cristalli ben definiti e può variare di colore dal giallo al marrone al nero.
  2. Galena (solfuro di piombo): La galena è un altro minerale importante presente nei CRD, che funge da fonte primaria di piombo. Appare tipicamente come cubi metallici lucenti o cristalli ottaedrici.
  3. Calcopirite (rame Ferro Solfuro): La calcopirite è un minerale contenente rame presente in alcuni CRD. Ha un colore giallo ottone ed è un'importante fonte di rame.
  4. Tetraedrite (rame Antimonio Solfuro): La tetraedrite si trova talvolta nei CRD, contribuendo al contenuto di rame. Si presenta spesso come cristalli scuri e metallici.
  5. Pirite (Solfuro di ferro): Sebbene la pirite non sia un minerale economico primario nei CRD, è spesso associata ai giacimenti minerari. La pirite forma cristalli cubici e può essere presente in quantità variabili.

Minerali della ganga:

I minerali della ganga sono minerali non economici associati a depositi di minerali. Nel caso dei CRD, possono essere presenti i seguenti minerali della ganga:

  1. Calcite: La calcite è un minerale della ganga comune nei CRD, soprattutto considerando le rocce ospiti di carbonato. Forma spesso cristalli romboedrici e può essere trovato intrecciato con minerali minerali.
  2. Dolomite: Anche la dolomite, un altro minerale carbonatico, può essere presente come ganga nei CRD. Ha un aspetto simile alla calcite ma si distingue per la sua composizione chimica.
  3. Quarzo: Il quarzo è un minerale della ganga comune in molti giacimenti minerari e può essere associato a CRD. Forma cristalli esagonali ed è resistente a agenti atmosferici.
  4. barite: La barite si trova occasionalmente come minerale della ganga nei CRD. Ha un elevato peso specifico e può formare cristalli tabulari.

Texture e paragenesi dei minerali minerali:

  1. Texture sostitutive: La struttura più caratteristica dei CRD è la sostituzione, in cui i minerali carbonatici originali vengono sostituiti da minerali minerali. Questa sostituzione può avvenire con la preservazione del tessuto roccioso originario, determinando texture distintive.
  2. zonizzazione: I CRD spesso mostrano una zonazione nella mineralizzazione, con diversi assemblaggi minerali corrispondenti a cambiamenti di temperatura, pressione e composizione del fluido. Questa zonizzazione può includere un nucleo centrale di minerali minerali di qualità superiore circondato da zone periferiche con concentrazioni inferiori.
  3. Paragenesi: La sequenza paragenetica nei CRD si riferisce all'ordine cronologico di formazione dei minerali. Aiuta a comprendere l'evoluzione del deposito nel tempo. Tipicamente, i minerali solforati come la sfalerite e la galena si formano all'inizio della sequenza paragenetica, seguiti da minerali dello stadio successivo come il quarzo e la calcite.
  4. Vene trasversali: Oltre alla sostituzione, i minerali minerali nei CRD possono formare vene trasversali all'interno delle rocce ospiti. Queste vene sono spesso associate a fratture e faglie, che rappresentano eventi di mineralizzazione in fase successiva.

Comprendere questi minerali minerali, i minerali della ganga, le strutture e le relazioni paragenetiche è cruciale sia per l'esplorazione che per lo sfruttamento dei CRD. Gli studi geologici, compresi dettagliati lavori sul campo e analisi di laboratorio, contribuiscono a svelare la complessa storia di questi depositi.

Firma geochimica dei CRD

La firma geochimica dei depositi di sostituzione del carbonato (CRD) fornisce preziose informazioni sull'origine e l'evoluzione dei fluidi mineralizzanti. Gli indicatori geochimici chiave includono:

  1. Contenuto di metallo: Concentrazioni elevate di metalli come zinco, piombo e rame sono indicatori primari di CRD. Le analisi geochimiche dei campioni di roccia possono rivelare la presenza di questi metalli economicamente preziosi.
  2. Elementi del Pathfinder: Alcuni elementi sono associati a tipi specifici di giacimenti minerari. Nel caso dei CRD, gli elementi esploratori possono includere elementi come argento, antimonio, arsinae bismuto. Questi elementi possono servire come indicatori durante l'esplorazione.
  3. Zolfo Isotopi: La composizione isotopica dello zolfo dei minerali solforati nei CRD può fornire informazioni sulla fonte dello zolfo nei fluidi mineralizzanti. Le variazioni negli isotopi dello zolfo possono indicare contributi da diverse fonti, come lo zolfo magmatico o sedimentario.
  4. Isotopi di carbonio e ossigeno: I minerali carbonatici nei CRD, come calcite e dolomite, possono presentare variazioni negli isotopi di carbonio e ossigeno. Gli studi isotopici aiutano a comprendere la fonte di carbonio e ossigeno nei fluidi idrotermali e possono fornire informazioni sull'interazione fluido-roccia.

Studi sull'inclusione fluida:

Le inclusioni fluide sono cavità microscopiche all'interno dei minerali che contengono fluidi intrappolati, fornendo una prova diretta della composizione e delle caratteristiche dei fluidi mineralizzanti. Gli studi sull’inclusione fluida nelle CRD coinvolgono:

  1. Composizione fluida: L'analisi della composizione dei fluidi intrappolati nelle inclusioni aiuta a identificare le caratteristiche chimiche dei fluidi idrotermali responsabili della mineralizzazione.
  2. Condizioni di temperatura e pressione: Lo studio delle inclusioni fluide consente ai geologi di stimare le condizioni di temperatura e pressione durante la mineralizzazione. Queste informazioni aiutano a ricostruire la storia geologica del deposito.
  3. Salinità: La salinità delle inclusioni fluide è un parametro cruciale. Cambiamenti di salinità possono indicare variazioni nella composizione chimica dei fluidi idrotermali durante l'evoluzione del deposito.
  4. Cambiamenti di fase: L'osservazione dei cambiamenti di fase (ad esempio, transizioni vapore-liquido o liquido-liquido) nelle inclusioni fluide aiuta a determinare le condizioni di intrappolamento e a comprendere il comportamento del fluido.

Studi sugli isotopi:

Gli studi sugli isotopi forniscono ulteriori approfondimenti sulle fonti e sui processi coinvolti nella formazione della CRD:

  1. Isotopi stabili (ossigeno, carbonio): Gli isotopi stabili dell'ossigeno e del carbonio nei minerali carbonatici possono indicare la temperatura e la fonte dei fluidi idrotermali. Le variazioni negli isotopi stabili possono aiutare a distinguere tra diverse fonti di fluidi e fornire informazioni sull'interazione fluido-roccia.
  2. Isotopi radiogeni (piombo, stronzio): Gli isotopi radiogenici, come gli isotopi del piombo e dello stronzio, possono essere utilizzati per stabilire l'età della mineralizzazione e risalire all'origine dei metalli. I rapporti isotopici aiutano a distinguere tra diverse fonti geologiche per i metalli.
  3. Isotopi dello zolfo: Come accennato in precedenza, gli isotopi dello zolfo nei minerali solforati forniscono informazioni sulla fonte dello zolfo nei fluidi idrotermali.

L'integrazione di questi studi geochimici, di inclusioni fluide e isotopici consente ai geologi di acquisire una comprensione completa della genesi e dell'evoluzione dei CRD, aiutando nell'esplorazione mineraria e nella valutazione delle risorse.

Tipi di depositi di sostituzione del carbonato

I depositi di sostituzione carbonatica (CRD) possono presentare varie tipologie e classificazioni in base alle loro caratteristiche geologiche, mineralogiae ambienti geologici. Alcuni tipi comuni di CRD includono:

  1. Tipo di valle del Mississippi (MVT) Depositi:
    • Ospite Roccia: Tipicamente ospitato in rocce carbonatiche come calcare e dolomia.
    • minerali: Composto prevalentemente da sfalerite (zinco), galena (piombo) e fluorite. Talvolta associato alla barite.
    • Distribuzione: Spesso si trova in ambienti controllati da faglie all'interno di bacini sedimentari.
  2. Depositi di zinco-piombo di tipo irlandese:
    • Ospite Roccia: Ospitato in calcare carbonifero.
    • minerali: Caratterizzato da sfalerite e galena come minerali minerali primari.
    • Distribuzione: Trovato in Irlanda e in alcune parti del Regno Unito.
  3. SEDEX Depositi (esalativi sedimentari):
    • Ospite Roccia: Ospitato in rocce sedimentarie, comprese le sequenze carbonatiche.
    • minerali: Composto da minerali solforati come sfalerite, galena e pirite. Potrebbe essere presente anche la barite.
    • Distribuzione: Ampiamente distribuito a livello globale, spesso associato a bacini e rift.
  4. Depositi di tipo Broken Hill:
    • Ospite Roccia: Ospitato principalmente nelle rocce carbonatiche.
    • minerali: Caratterizzato da galena, sfalerite e quantità minori di altri solfuri.
    • Distribuzione: Esempi degni di nota includono il deposito di Broken Hill in Australia.
  5. Depositi di tipo Skarn:
    • Ospite Roccia: Rocce carbonatiche che subiscono alterazioni metasomatiche a causa di intrusioni di rocce magmatiche.
    • minerali: I minerali minerali includono sfalerite, galena e calcopirite, spesso associati a skarn minerali come granato più pirosseno.
    • Distribuzione: Associato a zone di metamorfismo di contatto attorno a corpi ignei intrusivi.
  6. Depositi sostitutivi stratificati:
    • Ospite Roccia: Tipicamente si verificano in sequenze carbonatiche all'interno di bacini sedimentari.
    • minerali: I minerali minerali possono includere sfalerite, galena e altri solfuri.
    • Distribuzione: Si trova negli orizzonti stratigrafici e può essere influenzato dalla tettonica regionale.
  7. Depositi idrotermali ospitati dalle dolomie:
    • Ospite Roccia: Ospitato prevalentemente nella dolomite.
    • minerali: Minerali minerali come sfalerite e galena sono associati alla sostituzione della dolomite.
    • Distribuzione: Si verificano nelle regioni in cui ha avuto luogo la dolomitizzazione, spesso associata al flusso di fluidi idrotermali.
  8. Depositi di piombo-zinco ospitati da carbonato (CHZ):
    • Ospite Roccia: Rocce carbonatiche, tra cui calcare e dolomite.
    • minerali: Composto principalmente da galena e sfalerite.
    • Distribuzione: Trovato in vari ambienti geologici, inclusi carbonati di piattaforma e ambienti legati ai rift.

Questi tipi di CRD dimostrano la diversità degli ambienti geologici e dei processi che possono portare alla formazione di ambienti economicamente significativi depositi minerali. Ogni tipo ha le proprie caratteristiche e la comprensione di queste variazioni è fondamentale per il successo dell'esplorazione e dello sfruttamento dei minerali.

Esempi regionali di CRD

  1. Deposito di Broken Hill, Australia:
    • Sede: Nuovo Galles del Sud, Australia.
    • minerali: Prevalentemente galena (piombo) e sfalerite (zinco).
    • Caratteristiche geologiche: Broken Hill è uno dei CRD più ricchi del mondo, con la mineralizzazione che avviene in una sequenza di rocce sedimentarie siluriane. Il deposito è associato a fagliazione ed è ospitato in un ambiente ricco di carbonato. È stata una fonte storicamente significativa di piombo, zinco e argento.
  2. Miniere di Trepča, Kosovo:
    • Sede: Kosovo settentrionale.
    • minerali: Galena, sfalerite, calcopirite e pirite.
    • Caratteristiche geologiche: Le Miniere di Trepča rappresentano un complesso di CRD ospitati in rocce carbonatiche. La mineralizzazione è associata a zone di faglia e avviene all'interno di una regione tettonicamente attiva. Il deposito è stato storicamente importante per piombo, zinco e altri metalli di base.
  3. Miniera di Pine Point, Canada:
    • Sede: Territori del Nordovest, Canada.
    • minerali: Sfalerite, galena e pirite.
    • Caratteristiche geologiche: Pine Point è un classico esempio di deposito del Mississippi Valley Type (MVT). Il minerale si trova nella dolomia e nel calcare e la mineralizzazione è associata a caratteristiche e faglie carsiche. In passato era un importante produttore di piombo-zinco.
  4. Miniera di Borieva, Bulgaria:
    • Sede: Giacimento minerario di Madan, Bulgaria.
    • minerali: Sfalerite, galena, pirite e calcopirite.
    • Caratteristiche geologiche: La miniera di Borieva è situata in una regione con una lunga storia mineraria ed è nota per i suoi giacimenti minerari di carbonato. La mineralizzazione è associata alla fagliatura e avviene all'interno delle rocce carbonatiche, contribuendo alla produzione di piombo e zinco della Bulgaria.
  5. Miniera di Rammelsberg, Germania:
    • Sede: Bassa Sassonia, Germania.
    • minerali: Sfalerite, galena, pirite e calcopirite.
    • Caratteristiche geologiche: Rammelsberg è uno storico distretto minerario sfruttato da secoli. Il minerale si trova in un deposito polimetallico ospitato in un complesso di rocce vulcaniche e sedimentarie. È uno dei più grandi giacimenti di piombo-zinco-argento del mondo.
  6. Distretto minerario di Ozdag, Turchia:
    • Sede: Anatolia centrale, Turchia.
    • minerali: Sfalerite, galena e pirite.
    • Caratteristiche geologiche: Il distretto minerario di Ozdag è noto per i suoi CRD ospitati dal carbonato. La mineralizzazione è associata a zone di faglia e il minerale si trova nella dolomite e nel calcare. La Turchia è stata un importante produttore di zinco e piombo da tali depositi.
  7. Distretto minerario di Navan, Irlanda:
    • Sede: Contea di Meath, Irlanda.
    • minerali: Sfalerite, galena e pirite.
    • Caratteristiche geologiche: Il distretto minerario di Navan è un deposito di piombo e zinco di tipo irlandese. Il minerale si trova nel calcare carbonifero ed è associato alla fagliatura. È stata una delle principali fonti di zinco e piombo in Irlanda.

Questi esempi regionali evidenziano la distribuzione globale dei depositi di sostituzione del carbonato e la diversità geologica degli ambienti in cui si formano. Ogni deposito ha caratteristiche uniche modellate dalla sua storia geologica e dall'ambiente tettonico, che contribuiscono all'importanza economica dei rispettivi distretti minerari.

Confronti con altri tipi di deposito

1. Depositi di rame porfirico:

  • Contrasto: I depositi di rame e porfido sono principalmente associati a intrusioni magmatiche e sono caratterizzati da mineralizzazione diffusa in grandi volumi di roccia ospite. Al contrario, i CRD sono tipicamente ospitati nelle rocce carbonatiche e derivano dalla sostituzione dei minerali originali con minerali minerali dovuta ai fluidi idrotermali.
  • comunanza: Entrambi i tipi di depositi possono essere fonti significative di metalli di base, compreso il rame, e sono spesso associati ai confini delle placche tettoniche.

2. Solfuro massiccio vulcanico (VMS) Depositi:

  • Contrasto: Depositi VMS si formano in associazione con l'attività vulcanica sottomarina e sono caratterizzati da massicci accumuli di solfuri sul fondale marino. I CRD, d'altro canto, sono spesso associati ad ambienti sedimentari e derivano dalla sostituzione delle rocce carbonatiche con minerali minerali.
  • comunanza: Sia i VMS che i CRD possono contenere una varietà di metalli di base, tra cui zinco e piombo, e possono condividere alcune caratteristiche geochimiche.

3. Depositi Skarn:

  • Contrasto: I depositi di Skarn si formano attraverso l'interazione dei fluidi idrotermali con le rocce carbonatiche, simili ai CRD. Tuttavia, gli skarn sono tipicamente associati all'intrusione di rocce magmatiche, che portano a cambiamenti metamorfici nelle rocce circostanti. I CRD, al contrario, potrebbero non avere un’associazione diretta con il magmatismo intrusivo.
  • comunanza: Entrambi i tipi di deposito possono contenere metalli di base come zinco, piombo e rame e possono avere assemblaggi minerali sovrapposti.

4. Depositi sedimentari esalativi (SEDEX):

  • Contrasto: I depositi SEDEX si formano nei bacini sedimentari attraverso l'espirazione di fluidi ricchi di metalli dal fondo marino. I CRD, sebbene associati anche ad ambienti sedimentari, spesso comportano la sostituzione delle rocce carbonatiche con minerali minerali a causa dei fluidi idrotermali.
  • comunanza: Entrambi i tipi di deposito possono essere stratiformi e ospitare la mineralizzazione dei metalli di base, ma i processi geologici specifici che portano alla loro formazione differiscono.

5. Epitermico Oro depositi:

  • Contrasto: I depositi d'oro epitermali si formano da fluidi idrotermali a bassa temperatura vicino alla superficie terrestre e sono caratterizzati dalla deposizione di oro e argento. I CRD, pur coinvolgendo fluidi idrotermali, si concentrano sulla sostituzione delle rocce carbonatiche con solfuri di metalli di base.
  • comunanza: Entrambi i tipi di depositi sono associati a processi idrotermali e alcuni CRD possono contenere anche oro e argento come sottoprodotti.

6. Depositi stratificati di piombo-zinco:

  • Contrasto: I depositi stratiformi di piombo-zinco, simili ai depositi SEDEX, sono depositi stratificati in rocce sedimentarie. I CRD, pur verificandosi anche nelle sequenze carbonatiche, possono coinvolgere processi di sostituzione idrotermale più complessi.
  • comunanza: Entrambi i tipi di depositi possono essere stratiformi e contenere mineralizzazione di piombo e zinco, ma i processi geologici che portano alla loro formazione possono differire.

Sebbene questi tipi di depositi condividano alcuni elementi comuni, le distinzioni risiedono nel contesto geologico, nella mineralogia e nei processi specifici che portano alla loro formazione. Comprendere queste differenze è fondamentale per un’efficace esplorazione mineraria e una valutazione delle risorse.

Elenchi di riferimento

Libri:

  1. Guilbert, JM e Park, CF (1986). La geologia dei depositi di minerali. Freeman.
  2. Spry, PG (2003). Mineralogia e geochimica dei solfuri. Stampa dell'Università di Cambridge.
  3. Kesler, SE e Wilkinson, BH (2008). L'atmosfera primordiale della Terra e gli oceanie L'origine della vita. Springer.
  4. Evans, AM (1993). Geologia dei minerali e minerali industriali: un'introduzione. Scienza Blackwell.

Articoli di giornale:

  1. Grande, RR e Bull, SW (2006). Depositi di piombo-zinco ospitati da carbonati. Pubblicazione speciale della Society of Economic Geologists, 10, 307-328.
  2. Lydon, JW (1984). Il ruolo delle rocce carbonatiche nello sviluppo di Tipo Valle del Mississippi depositi. Geologia economica, 79(3), 321-337.
  3. Hofstra, AH (1995). Depositi di Skarn. Recensioni in Geologia economica, 7, 13-29.
  4. Hannington, MD, e Barrie, CT (1999). Il gigantesco deposito vulcanico massiccio di solfuro di Kidd Creek, sottoprovincia occidentale di Abitibi, Canada: una recensione. Recensioni sulla geologia dei minerali, 14(1), 101-138.

Risorse online:

  1. Società dei Geologi Economici (SEG): https://www.segweb.org/
  2. Società Geologica d'America (GSA): https://www.geosociety.org/
  3. Servizio geologico degli Stati Uniti (USGS): https://www.usgs.gov/
  4. Atlante delle miniere australiane – Geoscience Australia: http://www.australianminesatlas.gov.au/